Il Sampei di Bolsena Marco Pasquini in Svezia per rappresentare l’Italia a una gara mondiale di pesca

Il Sampei di Bolsena Marco Pasquini in Svezia per rappresentare l’Italia a una gara mondiale di pesca

Cosa c’entra Bolsena con Amal, una deliziosa cittadina nel sud della Svezia? Sì è vero, entrambe sono piccole e pittoresche ma la cosa che le accomuna di più è che entrambe si affacciano su un lago, l’una su quello vulcanico più grande d’Europa e l’altra, sul lago Varnen, il terzo bacino più grande del nostro continente.

ADimensione Font+- Stampa

Cosa c’entra Bolsena con Amal, una deliziosa cittadina nel sud della Svezia? Sì è vero, entrambe sono piccole e pittoresche ma la cosa che le accomuna di più è che entrambe si affacciano su
un lago, l’una su quello vulcanico più grande d’Europa e l’altra, sul lago Varnen, il terzo bacino più grande del nostro continente.

Ma in questi giorni c’è un ulteriore fattore che vede i due paesini accomunati ovvero una gara di pesca mondiale, il 7° Hobie fishing worlds dove l’Italia sarà rappresentata dal Bolsena Yachting con Marco Pasquini, un giovane bolsenese e pescatore per passione nonché vincitore del 2° Campionato nazionale Bolsena in Kayak e della Garmin Cup, gara al Bass su barche a motore. Il 15 maggio ad Amal è cominciato il Campionato Mondiale di pesca su kayak, con un pre-event dove gli atleti potranno testare la location, le imbarcazioni (Hobie Pro Angler 14 attrezzati con eco
Lowrance Elite) e tutti i materiali, per poi entrare nel vivo della gara col la tre giorni in programma che vedrà sfidarsi 48 atleti provenienti da tutto il mondo.

Nelle acque svedesi, Marco dovrà vedersela con i lucci e persici ma il lago contiene anche una grande quantità di trote e salmoni, cosa che non lo spaventa poiché in questi mesi si è  allenato notte e giorno nelle acque di Bolsena. Il nostro pescatore è carico e sarà supportato dal team del Bolsena Yachting. Non sarà di certo come un Mondiale di calcio, ma almeno il nostro orgoglio patriottico, anche quest’anno, verrà acceso per sostenere il bolsenese.

Decarta racconta la Tuscia