Il raptus del quindicenne contro la coetanea: l’aggressione al Sacrario immortalata da un video, ora virale

Il raptus del quindicenne contro la coetanea: l’aggressione al Sacrario immortalata da un video, ora virale

Un video diventato virale, terrificante, che riprende un ragazzino colpire violentemente con un pugno una giovane ragazza e poi prenderla a calci. È successo al Sacrario a Viterbo dove qualche giorno fa un ragazzino di circa 15 anni ha aggredito di fronte ad altri giovani, una sua coetanea.

ADimensione Font+- Stampa

Un video diventato virale, terrificante, che riprende un ragazzino colpire violentemente con un pugno una giovane ragazza e poi prenderla a calci. È successo al Sacrario a Viterbo dove qualche giorno fa un ragazzino di circa 15 anni ha aggredito di fronte ad altri giovani, una sua coetanea.

Il video è stato segnalato a Viterbo Civica da un ragazzo al quale era arrivato sul telefono. Nessuna denuncia fino a che proprio i responsabili dell’associazione non si sono rivolti alle forze dell’ordine. Intervento che ha permesso l’identificazione del giovane che ora probabilmente sarà affidato a psicologi. Nel video si vede un solo giovane intervenire per allontanare l’aggressore, nell’indifferenza generale.

Abbiamo scelto di non pubblicare il video, chi lo volesse vedere lo trova sulla bacheca di Viterbo Civica.

“Le lunghe lotte che Viterbo Civica ha sempre fatto contro la violenza in genere – ha commentato l’associazione – hanno fatto sì che la cosa fosse portata subito all’attenzione delle forze dell’ordine che attualmente stanno indagando sulla vicenda. In uno stile ormai comune tra i più giovani dove uno filma, il branco guarda e il bullo mena, questo video mostra una “prodezza”, ma di denunce non se ne parla”. Per paura di ritorsioni o vergogna? “Non ci si rivolge alla Polizia – aggiunge Viterbo Civica – anche per indifferenza. Pare strano che a nessuno è venuto in mente di denunciare il fatto. Violenza, bullismo, truffe e reati al patrimonio sono cose che riguardano anche il nostro orticello è ora che si reagisca e che le persone abbiano un pizzico di senso civico senza restare indifferenti difronte a situazioni di violenza come quello citato”.

Natale Viterbo