“Il nido a colori” di Santa Barbara diventa realtà

“Il nido a colori” di Santa Barbara diventa realtà

Tagliato il nostro al nuovo asilo nido del quartiere alla presenza di tutte le cariche politiche della città

ADimensione Font+- Stampa

Tagliato il nastro del nuovo asilo nido di Viterbo, nel quartiere di Santa Barbara, alla presenza della stragrande maggioranza dei politici del capoluogo, che per un momento sono riusciti a mettere da una parte la crisi e gli scontri di palazzo, per dedicare un po’ di tempo alla soddisfazione per essere riusciti in questa impresa. Anche se il sindaco ha inaugurato ufficialmente la struttura oggi, però, l’asilo è già operativo dallo scorso 7 gennaio.

La struttura, gestita dalla cooperativa Lo Stregatto, per il momento può accogliere un massimo di 20 bambini, ma dall’anno prossimo tutti i lavori dovrebbero essere ultimati, facendo raggiunge all’asilo la sua massima capacità di 60 posti. Dopo circa due settimane di attività, però, il numero di iscritti è ancora fermo a 8, ma si prevedono molte più adesioni a partire dal prossimo settembre, quando i genitori della zona dovrebbero riversare i loro piccoli nella struttura del quartiere.

Al taglio del nastro c’era il sindaco Michelini e l’assessore Troncarelli, che ha contribuito insieme alle mamme alla scelta del nome “il nido a colori”. Accanto loro, però, c’è tutta la politica viterbese, fino a quella regionale rappresentata dal consigliere Panunzi e dal consigliere Sabatini. C’è anche l’opposizione, come l’ex sindaco Marini, che durante il suo periodo in carica trovò i fondi e avviò i lavori alla struttura. Infine ci sono gli utenti finali: i bambini e le loro famiglie, che finalmente vedono compiuta un’opera che aspettano da anni.