Il gasometro sulla Cassia Nord obbliga tante aziende a un piano di fuga, scoppia la polemica

Il gasometro sulla Cassia Nord obbliga tante aziende a un piano di fuga, scoppia la polemica

Forse non tutti sanno che sulla Cassia Nord, più o meno all'altezza del noto Maury's, esiste un impianto di stoccaggio del gas. Un gasometro. Lo hanno imparato bene, in queste ultime settimane, tanti imprenditori della zona e fino al Poggino. 

ADimensione Font+- Stampa

Forse non tutti sanno che sulla Cassia Nord, più o meno all’altezza del noto Maury’s, esiste un impianto di stoccaggio del gas. Un gasometro. Lo hanno imparato bene, in queste ultime settimane, tanti imprenditori della zona e fino al Poggino

Questo perché sono alle prese con il dotarsi di un piano di evacuazione. Lo ha reso necessario una decisione della Commissione Grandi Rischi della Prefettura, che periodicamente si incontra e lavora alla mappatura dei rischi della città in caso di eventi calamitosi. Facciamo ipotesi di scuola, insieme ai debiti scongiuri. Se a causa di un terremoto ci fossero problemi all’impianto di stoccaggio e fosse necessario evacuare l’area serve farlo seguendo un piano evacuazione. Questo rende obbligatorio per chiunque si trovi entro un determinato raggio, fissato dagli esperti, provvedere a mettersi in regola.

Ogni azienda può fare un piano d’evacuazione in proprio, ma l’opzione risulterebbe piuttosto costosa, oppure fare parte di un piano in comune. Con una quota sopra le cento euro, 150 il costo raccontatoci da alcuni titolari d’azienda interessati.

E proprio alcuni di questi non l’hanno presa benissimo: “Dobbiamo sostenere questa spesa perché a 600 metri da noi c’è un impianto di stoccaggio del gas? Provvedessero loro a sostenere le spese necessarie”. Un malcontento che serpeggia nella zona tra Cassia Nord e Poggino dal giorno in cui il Comune di Vitebo ha mandato i vigili urbani a informare sull’obbligo di dotarsi di un piano di fuga per tutte le realtà in un raggio appunto di 600 metri dal gasometro. Chi non dovesse adeguarsi rischia di incorrere in corpose sanzioni. 

Banner
Banner
Banner