Il film “Troppa grazia” fa tappa alle Officine del gusto

Il film “Troppa grazia” fa tappa alle Officine del gusto

Un film girato praticamente tutto nella Tuscia. Si tratta di "Troppa grazia", diretto e sceneggiato da Gianni Zanasi, che ha come protagonisti Elio Germano, Alba Rohrwacher e Giuseppe Battiston. L'altra sera, diverse scene di interni sono state girate presso il ristorante Officine del Gusto in Viale Capocci, scelto dopo una lunga selezione per la particolarità della location

ADimensione Font+- Stampa

Un film girato praticamente tutto nella Tuscia. Si tratta di “Troppa grazia”, diretto e sceneggiato da Gianni Zanasi, che ha come protagonisti Elio Germano, Alba Rohrwacher, Giuseppe Battiston, Carlotta Natoli e Hadas Yaron. La lavorazione della pellicola è cominciata ai primi di agosto in varie zone della provincia viterbese con una puntata anche a Tarquinia. L’altra sera, diverse scene di interni sono state girate presso il ristorante Officine del Gusto in Viale Capocci, scelto dopo una lunga selezione per la particolarità della location.

Top secret la trama, ma qualche anticipazione è stata fornita dallo stesso regista modenese che ha al suo diversi premi e riconoscimenti di caratura nazionale: il suo cortometraggio “Le belle prove”, che rappresenta l’esordio dietro la macchina da presa, venne premiato al Festival cinematografico di Torino, poi Zanasi partecipa al Festival di Cannes con “Nella mischia”. L’exploit vero e proprio nel 1999 a Venezia, alla Mostra cinematografica, in cui presenta “Fuori di me”, ma anche “A domani”, entrambi in concorso. Nel 2007 sempre a Venezia Zanasi vince il Premio Pasinetti del Sindacato nazionale giornalisti cinematografici e altri premi come miglior film per “Non pensarci”, nell’ambito delle Giornate degli autori-Venice Days. L’ultima fatica cinematografica “La felicità è un sistema complesso” del 2015.

Protagonista della storia una giovane donna con una figlia adolescente che mantiene da sola lavorando in uno studio di architettura. Quando Lucia (interpretata da Alba Rohrwacher) deve fare una perizia su un terreno scopre che qualcosa non torna. “Un film – si legge nella sinossi – sul coraggio di lottare di una donna bella e sensibile, che fa riflettere e lascia il segno nella coscienza dello spettatore, racconta la forza di combattere di un’eroina che non si arrende davanti a niente e alla fine riesce a salvare la bellissima valle in cui è cresciuta”.

Le riprese di “Troppa grazia”, prodotto da Pupkin Production e RAI Cinema, dovrebbero concludersi entro la fine del mese; molti i luoghi scelti dal regista per girare diverse scene in esterno, a cominciare dall’Università della Tuscia dove in luglio, presso la Sala Mostre, è stato effettuato il casting per la scelta delle comparse. Nelle sequenze girate l’altra sera presso “Officine”, che ha preparato alcune pietanze per le esigenze di scena, è stato coinvolto anche il personale di sala e della cucina. Il film dovrebbe arrivare nelle sale tra la fine dell’anno e i primi mesi del 2018.