Il cortocircuito degli ascensori chiusi per Caffeina: la piazza a pagamento e le questioni di sicurezza

Il cortocircuito degli ascensori chiusi per Caffeina: la piazza a pagamento e le questioni di sicurezza

Un servizio per i cittadini e per i turisti che durante le iniziative più sentite e partecipate dovrebbe essere potenziato, invece no. Gli ascensori che collegano Valle Faul a piazza San Lorenzo rimangono chiusi a partire dalle ore 20 per la durata di Caffeina Festival.

ADimensione Font+- Stampa

Caffeina: ascensori spenti per questioni di sicurezza, ma il fatto che l’accesso alla piazza sia a pagamento fanno storcere il naso. Un servizio per i cittadini e per i turisti che durante le iniziative più sentite e partecipate dovrebbe essere potenziato, invece no. Gli ascensori che collegano Valle Faul a piazza San Lorenzo rimangono chiusi a partire dalle ore 20 per la durata di Caffeina Festival.

La decisione arriva dal Comitato Prefettizio per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica di Viterbo, in conformità alla circolare del Capo della Polizia il prefetto dott. Franco Gabrielli sull’organizzazione dei Grandi Eventi culturali. “Una misura – scrive Caffeina – a garanzia di tutti i cittadini e dei partecipanti al Festival che sosterrà le forze dell’ordine nella gestione delle piazze e delle location di Caffeina 2017”.

La decisione però fa discutere. Gli ascensori dovrebbero servire la cittadinanza e non rispondere alle esigenze di iniziative private e per una manifestazione come Caffeina, dove il deflusso delle persone attraverso il ponte del Duomo è sempre problematico, dovrebbero essere aperti più a lungo e non per meno tempo.

Piazza San Lorenzo è la piazza principale del Festival Caffeina ed ospita gli interventi di maggior richiamo. Tutti a pagamento. Un fatto che renderebbe impossibile e difficoltoso il deflusso in caso di arrivo di troppe persone non munite del braccialetto che permette l’ingresso all’arena.

Natale Viterbo