Il Comune vende le quote dell’Interporto di Orte

Il Comune vende le quote dell’Interporto di Orte

Il Comune esce dall’Interporto di Orte. Il Consiglio comunale ha deciso di scrivere la parola fine perché ritiene l’opera non strategica. Alla base dell’accelerazione la necessità di chiudere una lunga pratica amministrativa aperta nel 2015 e dimenticata nei cassetti fino ad oggi.

ADimensione Font+- Stampa

Il Comune esce dall’Interporto di Orte. Il Consiglio comunale ha deciso di scrivere la parola fine perché ritiene l’opera non strategica. Alla base dell’accelerazione la necessità di chiudere una lunga pratica amministrativa aperta nel 2015 e dimenticata nei cassetti fino ad oggi.

Il Consiglio comunale, dopo una discussione molto tecnica, ha deciso di vendere le proprie quote. Qualche privato così potrà acquistarle ed entrare nel capitale sociale di una società che ha un enorme patrimonio a disposizione e sul quale negli anni, vari enti pubblici, dalla Regione Lazio alla Regione Umbria fino l Ministero dei Lavori Pubblici, hanno investito circa 20 milioni di euro.

La pratica è stata votata all’unanimità. Due consiglieri, Francesco Moltoni e Chiara Frontini, sono però usciti dall’aula.

Natale Viterbo