Farmacia di turno varese
Farmacia di turno milano
Farmacia di turno gela
Farmacia di turno padova
Farmacia sant anna
Farmacia di turno torino
Farmacia di turno taranto
Farmacia di turno agrigento
Farmacia di turno avellino
Farmacia di turno latina
Farmacia unich
Il campione olimpico Vittorio Podestà a Viterbo per raccontare la sua storia

Il campione olimpico Vittorio Podestà a Viterbo per raccontare la sua storia

Il campione azzurro Vittorio Podestà a Viterbo. E con lui potrebbero arrivare anche altre grandi sorprese. Appuntamento il 13 gennaio alle 17 presso le Terme Salus. Parlerà del mondo sportivo e di quello disabilità.

ADimensione Font+- Stampa

Il campione azzurro Vittorio Podestà a Viterbo. E con lui potrebbero arrivare anche altre grandi sorprese. Appuntamento il 13 gennaio alle 17 presso le Terme Salus. Parlerà del mondo sportivo e di quello disabilità. Ci saranno anche altri campioni con lui, per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema: Mauro Cratassa, campione della nazionale handbike, Stefano Colagé, Andrea Gurayev, Massimiliano Lelli e Riccardo Magrini, che hanno fatto la storia del ciclismo italiano.

Presente anche Marco Canuzzi, preparatore atletico di Mauro Cratassa ed esperto nell’avviamento e allenamento al paraciclismo, attività che svolge nel suo centro sportivo “FitnessMania” di Montefiascone. .

Rio De Janeiro, 16 settembre 2016. Doppio oro per Vittorio Podestà. Successo nella cronometro individuale due giorni prima, nuova vittoria nella staffetta mista insieme ad Alex Zanardi e Luca Mazzone. Battute Stati Uniti e Belgio, staccate di circa un minuto.

Una grande Paralimpiade quella Brasiliana per l’atleta azzurro, campione medagliato di handbike. Il tutto a 14 anni dal giorno più buio della sua vita. Correva l’anno 2002. Mentre era in auto, Podestà urta un marciapiede e si ribalta, torsione della colonna vertebrale con rottura delle vertebre dorsali e conseguente lesione del midollo spinale.
Deve fare i conti con la paralisi degli arti inferiori. Deve iniziare la riabilitazione, qui la vita decide di fargli incontrare una infermiera di nome Barbara, diventerà sua moglie e lo seguirà a ogni gara. Il suo supporto diventa fondamentale, sia per la riabilitazione fisica ma soprattutto per quella psicologica.

Vittorio capisce immediatamente che per reagire è meglio dedicarsi allo sport, inizia con il basket in carrozzina, poi scopre le handbike e da lì la carriera diventa un successo. Oro ai Mondiali 2007, argento a Pechino 2008 poi ancora argento ai Mondiali 2009 e 2011. A Londra 2012 conquista ancora un terzo e un secondo posto, ma il suo vero anno d’oro è il 2015 quando ai Mondiali riesce a ottenere l’oro nella cronometro, nella prova in linea e nella staffetta mista, sempre in compagnia di Zanardi e Mazzone. Fino al doppio successo di Rio.