Il Bio-distretto della via Amerina indica la strada: “No al glifosato, seguire l’esempio di Corchiano”

Il Bio-distretto della via Amerina indica la strada: “No al glifosato, seguire l’esempio di Corchiano”

Il tema sarà affrontato nuovamente in un secondo incontro a Vignanello che avrà al centro proprio la questione dell’uso dei fitofarmaci del loro impatto ambientale e le alternative biologiche nella lotta delle avversità.

ADimensione Font+- Stampa

Il bio-distretto della via Amerina programma le attività per i prossimi mesi. Grande attenzioen per il contrasto ai fitofarmaci e al sostegno a progetti di agricoltura biologica. Poi anche agricoltura sociale e mense biologiche; cultura e turismo ecologico; corsi di agroecologia e progetti di educazione nelle scuole del territorio su alimentazione e salute. Sono i temi sui quali il Biodistretto della Via Amerina incentrerà le proprie future azioni. I temi sono stati sviscerati durante l’ultima assemblea dei sindaci e del direttivo del Bio-distretto che si è volta in settimana alla presenza del deputato Alessandra Terrosi e del consigliere regionale Enrico Panunzi presso l’Agriturismo Biobagnolese di Orte.

Alessandra Terrosi ha portato gli aggiornamenti sulla legge nazionale sul biologico, che sta seguendo il suo iter al Senato, mentre Enrico Panunzi ha parlato della legge regionale sui distretti biologici, che in gran parte riflette l’articolato di legge che le amministrazioni e i diversi consigli comunali dei 13 comuni hanno sottoscritto che presto dovrebbe seguire il proprio iter in Consiglio regionale. Nell’ambito dell’incontro sono state definite le iniziative, gli obiettivi e i progetti per i prossimi sei mesi di attività del Bio-distretto e ovvero il contrasto ai fitofarmaci e sostegno a progetti di agricoltura biologica; agricoltura sociale e mense biologiche; cultura e turismo ecologico; corsi di agroecologia e progetti di educazione nelle scuole del territorio su alimentazione e salute.

Salutata con favore l’iniziativa del Comune di Corchiano che ha messo al bando l’uso del diserbante glifosato. La questione era stata affrontata durante un recente incontro a Vignanello. “Abbiamo già aderito alla Campagna contro l’uso del diserbante glifosato come associazione – dice Fimiano Crucianelli – ed è molto importante seguire all’esempio che arriva dal comune di Corchiano”. L’uso di quel tipo di diserbante infatti causa problemi alla salute delle persone e al contempo compromette la fertilità del suolo. “Ecco perché ritengo che sarebbe deciso che tutte le ammirazioni comunali della provincia seguissero questo esempi. Per il raggiungere questo obbiettivo è rilevante la mobilitazione e la partecipazione dei cittadini”.

Il tema sarà affrontato nuovamente in un secondo incontro a Vignanello che avrà al centro proprio la questione dell’uso dei fitofarmaci del loro impatto ambientale e le alternative biologiche nella lotta delle avversità.

Natale Viterbo