Il 16 giugno aprirà il processo per il Festival delle Luci?

Il 16 giugno aprirà il processo per il Festival delle Luci?

Politicamente il Festival è sempre stato considerato una operazione sponsorizzata da Viva Viterbo, che però ha sempre rimarcato l’esiguità di risorse a disposizione come motivo per della non buona riuscita dell’operazione.

ADimensione Font+- Stampa

Il 16 giugno aprirà il processo per il Festival delle Luci. O forse no. Inizia il processo a danno di tre ex dipendenti comunali di Viterbo. Stefano Menghini, Anna Rita Gagliardi e Maria Paola Puglies sono accusati di abuso d’ufficio. Facevano parte della commissione tecnica che valutò le offerte pervenute al Comune in seguito al bando per la realizzazione del Festival.

Secondo quanto aveva riportato da TusciaWeb avrebbero operato una valutazione “surrettizia, artificiosa e non veritiera” delle due offerte pervenute da parte della Audiotime srl e del Gruppo Carramusa srl.

Secondo l’accusa “intenzionalmente procuravano alla Audiotime un ingiusto vantaggio patrimoniale e al comune di Viterbo nonché al Gruppo Carramusa rappresentato da Gaetano Carramusa un ingiusto danno”. Il Gup Savina Poli ha deciso così il rinvio a giudizio. Il procedimento fu avviato da un esposto della minoranza consigliare.

Politicamente il Festival è sempre stato considerato una operazione sponsorizzata da Viva Viterbo, che però ha sempre rimarcato l’esiguità di risorse a disposizione come motivo per della non buona riuscita dell’operazione.

Secondo aggiornamento 19 maggio del Messaggero sarebbe una bufala e il rinvio a giudizio non sarebbe reale. 

Banner
Banner
Banner