I mitici Mamuthones sbarcano a Tarquinia, un weekend da non perdere

I mitici Mamuthones sbarcano a Tarquinia, un weekend da non perdere

Sabato 11 e domenica 12 novembre Sarda Domus (associazione dei sardi residenti nell’alto Lazio e nella bassa Toscana) con il patrocinio del Comune di Tarquinia presenta ‘Sa die de sa Sardigna‘ e ‘Tessingiu in mostra… a Tarquinia’.

ADimensione Font+- Stampa

Sabato 11 e domenica 12 novembre Sarda Domus (associazione dei sardi residenti nell’alto Lazio e nella bassa Toscana) con il patrocinio del Comune di Tarquinia presenta ‘Sa die de sa Sardigna‘ e ‘Tessingiu in mostra… a Tarquinia’.

Nelle due giornate dedicate alla manifestazione, dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 16 alle ore 19 presso la Cantina Sociale di Cerveteri-Tarquinia, gli amanti del buon vino potranno degustare un novello delle terre sarde ‘Santa Caterina novello 2017’ prodotto dalla cantina sociale di Dorgali (NU) e il vino novello delle terre etrusche ‘Cinque Rubbi 2017’ prodotto dalla cantina sociale Cerveteri (RM)-Tarquinia (VT).

Il 12 novembre alle ore 11.30 verrà celebrata la Santa Messa presso il Duomo- Cattedrale di Tarquinia presieduta da SS. Mons. Giovanni Angelo Becciu – sostituto della Segreteria di Stato della Città del Vaticano, in onore dei fedeli della città e della comunità sarda emigrata. La cerimonia religiosa sarà resa solenne dal Coro Polifonico Santa Lucia Filippini di Tarquinia.

Alle ore 15 il gruppo etnico culturale ‘I Mamutzones de Samugheo’ (OR) composto da venti persone partirà sfilando dal museo nazionale percorrendo Corso Vittorio Emanuele, l’arco, la via Antica, fino a piazza San Martino dove si esibiranno in diverse performance.
Seguirà una cena sarda ad inviti in onore della città di Samugheo offerta dai sardi samughesi residenti a Tarquinia, Salvatore Demelas, Gianpaolo Garau e Giovanni Sarai.

Nelle stesse giornate presso il museo Nazionale di Tarquinia sarà proiettato ‘Il video d’Autore’ girato da Andrea Pecora, al centro dell’opera la memoria storica e le tradizioni di Samugheo quale centro tessile sardo. Sarà inoltre disponibile la proiezione per mezzo di un sensore multimediale touch il video ‘Il tappeto e?’.
Il sindaco Pietro Mencarini e l’amministrazione comunale si ritiene soddisfatta di questa novità all’interno della festa patronale in onore di San Martino Vescovo, “è pur un elemento di originalità che i nostri concittadini sapranno apprezzare”.