«I giovani della maggioranza non fanno sentire la loro presenza»

«I giovani della maggioranza non fanno sentire la loro presenza»

“Da consigliere e cittadina vedo la maggioranza che è come il dibattito politico senza i Funamboli. Smorta. A parte gli scherzi, la città non riceve risposte”.

ADimensione Font+- Stampa

“I giovani della maggioranza non fanno sentire molto la loro presenza”. Chiara Frontini, consigliera comunale di Viterbo in forza a Viterbo2020, è intervenuta questa mattina nelal terza puntata stagionale di Sbottonati.

 

Come sta la maggioranza?

“Da consigliere e cittadina vedo la maggioranza che è come il dibattito politico senza i Funamboli. Smorta. A parte gli scherzi, la città non riceve risposte”.

 

I giovani della maggioranza hanno portato novità e freschezza?

“Non hanno mai avuto modo di amministrare. Penso però che l’età anagrafica non sia un valore di per sé. Conosco tanti giovani che ragionano con logiche dei vecchi. Giovane è meglio, ma se è libero e fuori dagli schemi. Ci sono vecchi che hanno voglia di fare come un giovane”.

 

Quelli che stanno in consiglio, Scorsi, Minchella, Troncarelli, Mongiardo, si fanno sentire?

“Diciamo che gli interventi non sono particolarmente frequenti. Non se ne sente forte la loro presenza in consiglio”.

 

Quanto pesano nella politica cittadina?

“Credo che dovrebbero far pesare le loro esigenze all’interno del Pd e poi mostrarle fuori. Però non riescono ad avere voce in capitolo sulle decisioni della politica del loro partito. Un giovane dovrebbe essere indipendente e svincolato da certe logiche. Di uomini così in maggioranza mi viene in mente Arduino Troili, che giovane anagraficamente non è. Essere critici penso sia una cosa che un buon giovane debba portare avanti con orgoglio”.

 

E Serra?

“Qualsiasi cosa dica non viene accolta dalla maggioranza”.