Gli Etruschi nelle scuole, a Viterbo il ministro Giannini

Gli Etruschi nelle scuole, a Viterbo il ministro Giannini

Accordo sottoscritto dai ministeri dell'Istruzione e dei Beni Culturali e dai comuni capofila di Viterbo, Orvieto e Chiusi per Experience Etruria. Presente anche il ministro Giannini.

ADimensione Font+- Stampa

Gli etruschi come fondamenta per costruire un senso di comunità vasta, con tutti i comuni che poggiano le proprie radici in quella che una volta era l’Etruria. Una prospettiva di costruzione di un’identità e di un brand che parte dalle scuole. A suggellare l’inizio del percorso la firma di un accordo quadro, questa mattina a Palazzo dei Priori. E’ lo sviluppo del progetto Experience Etruria.

Il tutto con un ospite d’eccezione: il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini. L’accordo è stato sottoscritto dai ministeri dell’Istruzione e dei Beni Culturali e dai comuni capofila di Viterbo, Orvieto e Chiusi.

Entro il 30 giugno, regioni e comuni intenzionati a fare parte della rete dovranno approvare una delibera per entrare a far parte di un vero e proprio distretto, all’interno del quale dovranno essere previsti sgravi fiscali e investimenti. Un progetto culturale ed economico. La presenza del ministro è un segnale importante, che lascia ben sperare sulle potenzialità e gli sviluppi dell’idea. Al momento hanno aderito diciassette comuni tra Lazio, Umbria e Toscana.

L’accordo prevede l’impegno a promuovere presso le scuole la conoscenza dell’Etruria attraverso progetti, visite didattiche, gemellaggi, turismo scolastico internazionale. A pianificare il tutto sarà un comitato scientifico che sarà presto costituito.

Intanto c’è un’interessante novità. Ati, la principessa etrusca protagonista di Experience Etruria, è diventata un fumetto che a settembre verrà distribuito nelle scuole. Il testo è stato curato da Giorgio Nisini e Angelo Deiana, le illustrazioni da Laura Natali.

All’incontro di questa mattina ha preso parte anche l’ex ministro dell’Istruzione Giuseppe Fioroni.

ministro