Giovani della Tuscia dove siete? – “I giovani stanno lontani dalla politica perché è un mondo sterile”

Giovani della Tuscia dove siete? – “I giovani stanno lontani dalla politica perché è un mondo sterile”

Dove sono? Cosa pensano? Cosa possono fare per decidere il futuro del territorio le giovani generazioni e perché non lo stanno sostanzialmente facendo, rimanendo al margine dei luoghi delle decisioni. La Fune ha aperto uno spazio di riflessione e dibattito sull'argomento, invitando sostanzialmente tutti a intervenire. Basta scrivere il proprio intervento a [email protected]

ADimensione Font+- Stampa

Dove sono? Cosa pensano? Cosa possono fare per decidere il futuro del territorio le giovani generazioni e perché non lo stanno sostanzialmente facendo, rimanendo al margine dei luoghi delle decisioni. La Fune ha aperto uno spazio di riflessione e dibattito sull’argomento, invitando sostanzialmente tutti a intervenire. Basta scrivere il proprio intervento a [email protected]

Cerchiamo il parere di giovani amministratori, di persone di altre generazioni. Politici, giornalisti, pezzi di società civile. Ci interessano tutti i pareri. Abbiamo voluto iniziare questa nuova settimana pubblicando l’intervento inviato in redazione da una lettrice: Daniela Proietti Ragonesi.

 

Buonasera, sono un agrotecnico nonché donna di 36 anni e madre di famiglia. In questi ultimi anni ho riflettuto molto sul ruolo della politica, di come è connessa direttamente e indirettamente con la nostra esistenza.

Ho partecipato a varie riunioni sia politiche che non, ho assistito come semplice cittadino a dei consigli comunali e la sensazione che si ha quando si esce da questi luoghi è avvilente.

Trovi la maggior parte degli amministratori che sono i vecchi volponi della politica. Avvicinarsi  a questo mondo se non hai le classiche conoscenze (amico di… figlio di…) non è per tutti.

I consigli comunali a cui ho assistito erano raccapriccianti. Non ho trovato molta preparazione e soprattutto la cosa più importante ” la passione per la nostra città “. (Le parlo di Viterbo). Per un semplice cittadino non è semplice avvicinarsi alla politica… nessuno chiede un nostro parere … Quindi è naturale che le nuove generazioni sono lontane dalla politica. Questo è il mio umile pensiero. Buon lavoro.

 

Banner
Banner
Banner