Giornata della memoria: visita alla Piccola Gerusalemme, il quartiere ebraico di Pitigliano

Giornata della memoria: visita alla Piccola Gerusalemme, il quartiere ebraico di Pitigliano

Domenica 28 gennaio visita guidata con la Pro Loco Viterbo a Pitigliano. Il percorso prevede un tratto delle vie cave, creazione ancora poco conosciuta del mondo etrusco.

ADimensione Font+- Stampa

Domenica 28 gennaio visita guidata con la Pro Loco Viterbo a Pitigliano. Il percorso prevede un tratto delle vie cave, creazione ancora poco conosciuta del mondo etrusco.

Le vie cave, che non hanno raffronti o simili in altre civiltà del mondo antico, sono tracciati scavati dall’uomo nella roccia e si snodano attraverso suggestive vertiginose pareti di tufo, giungendo ai centri abitati. Scavate a cielo aperto senza l’aiuto di mezzi meccanici, raggiungono anche i venti metri di altezza, e offrono a chi le percorre la sensazione di trovarsi in un’altra dimensione, circondati da un ambiente naturalistico di rara bellezza.

Tra felci secolari, sorprendenti necropoli, edere muschi e licheni, la cui formazione è favorita dal microclima di questo ambiente umido, sarà possibile scoprire un luogo in cui la natura e la mano dell’uomo hanno creato un’opera davvero unica nel suo genere, piena di bellezza, fascino e suggestione.

Al termine entrando nel centro storico di Pitigliano, la visita alla la suggestiva “Piccola Gerusalemme”, lo splendido quartiere ebraico. Pitigliano, che ospitò gli ebrei forse fin della fine del quattrocento, divenne per loro
un importante centro di rifugio nell’Italia centrale, insieme ai vicini luoghi feudali, a seguito delle restrizioni dovute alle Bolle papali del 1555 e 1569 nello Stato Pontificio e ai provvedimenti del Granduca di Toscana del 1570 e 1571.

La visita vuole ricordare quei luoghi e celebrarne la bellezza nell’anniversario di un evento importante come la Giornata della Memoria.