Giornata del Rifugiato: “Associazioni come l’Arci vanno evidenziate”

Giornata del Rifugiato: “Associazioni come l’Arci vanno evidenziate”

Nei territori non è facile arrivare, ma poi piano piano con una accoglienza diversa e diffusa Arci riesce a portare avanti il proprio lavoro con successo. Un lavoro che ad oggi coinvolge 11 Comuni della Tuscia.

ADimensione Font+- Stampa

Circa 150 di rifugiati accolti in 6 progetti Sprar in 11 Comuni della Tuscia. Arci Solidarietà Viterbo Onlus ha presentato oggi una serie di iniziative in occasione della Giornata mondiale del rifugiato, con la contestuale consegna dei patentini per i muletti per alcuni rifugiati accolti.

Marco Trulli, presidente regionale dell’Arci e Alessandra Capo, direttrice di Arci Solidarietà Viterbo Onlus, hanno puntato il dito contro il linguaggio dell’odio. “A noi – dicono – spetta una missione controcorrente”. Difficile quando la Lega utilizza e sdogana certi linguaggi.

Nei territori non è facile arrivare, ma poi piano piano con una accoglienza diversa e diffusa Arci riesce a portare avanti il proprio lavoro con successo. Un lavoro che ad oggi coinvolge 11 Comuni della Tuscia.

Presente anche il sindaco uscente Leonardo Michelini: “Associazioni che svolgono questo ruolo in un momento difficile come questo vanno evidenziate e ricordate”.