Gestione dell’Unione, sarà commedia o tragedia? Da scongiurare il rischio farsa

Gestione dell’Unione, sarà commedia o tragedia? Da scongiurare il rischio farsa

Finiti i lavori non sarà finito il lavoro. Anzi c'è tutta la complicata partita della gestione. I tempi sono cortissimi ed è ragionevole pensare che a breve da Palazzo dei Priori calino sul tavolo il bando.

ADimensione Font+- Stampa

La primavera 2017 si avvicina e il Comune di Viterbo dovrà affidare la gestione del Teatro Unione. O almeno questo dovrebbe essere lo scenario buono e auspicabile. La condizione necessaria affinché si concretizzi è che la ditta che sta portando avanti l’ultima parte dei lavori di messa a norma rispetti i tempi, altrimenti tutta la partita finirà male. Molto male, con rischio solido di perdere la quota di finanziamenti della Regione.

Ma finiti i lavori non sarà finito il lavoro. Anzi c’è tutta la complicata partita della gestione. I tempi sono cortissimi ed è ragionevole pensare che a breve da Palazzo dei Priori calino sul tavolo il bando. Il gestore individuerà quindi il direttore artistico, figura centrale nella ricostruzione dell’Unione.

Vinceranno davvero i titoli, le competenze, le figure capaci di tessere relazioni e fare sintesi? C’è da auspicarlo. Se la riapertura si configurerà come commedia o tragedia dipenderà da questo. E c’è sempre il rischio della farsa in agguato.

  • Giorgio Farini

    Chi è il pazzo che farebbe il direttore artistico di un teatro senza maestranze?

Banner
Banner
Banner