Galiano Troscia (Il Monastero): “Chiusura del centro storico? Con gli eventi si può fare”

Galiano Troscia (Il Monastero): “Chiusura del centro storico? Con gli eventi si può fare”

Lo abbiamo contattato per avere un quadro su come stanno andando le cose. Per capire se il Christmas Village sta portando benefici alle attività di ristorazione autoctone e fare il punto anche su un tasto che da queste parti scotta: la chiusura del centro storico. Che comunque è data come entrante, nella zona monumentale, dai primi di gennaio.

ADimensione Font+- Stampa

“Chiusura del centro storico? Così la puoi fare”. E’ il commento di Galiano Troscia, leggenda della pizza su due piatti a Viterbo. Lo raggiungiamo al mitico numero 8 di via Fattungheri. E’ primo pomeriggio e sono in corso i preparativi per la serata. Da qui a poco il Monastero si riempirà e inizieranno a formarsi le file, fuori dal locale, di chi è disposto anche ad attendere per una serata tra le migliori che Viterbo possa offrirti.

Lo abbiamo contattato per avere un quadro su come stanno andando le cose. Per capire se il Christmas Village sta portando benefici alle attività di ristorazione autoctone e fare il punto anche su un tasto che da queste parti scotta: la chiusura del centro storico. Che comunque è data come entrante, nella zona monumentale, dai primi di gennaio.

In queste settimane c’è obiettivamente grande movimento nel centro storico per il Christmas Village. Cosa ne pensa?

“Elogio a Caffeina. E’ evidente che è stato centrato un obiettivo importante. Il centro storico di Viterbo si riscopre come luogo fortemente attrattivo, a differenza di quanto è accaduto per troppi anni a questa parte. C’è grande movimento di famiglie in ogni ora della giornata e ho visto anche tante scuole che sono venute a visitare il villaggio di Babbo Natale. Una bella cosa”.

Praticamente il centro storico rimane chiuso per un mese. Quello della chiusura è un tema caldo da queste parti …

“Se si chiude e si organizzano eventi è fantastico. Quanto sta accadendo in questo periodo ne è la prova. Le macchine non passano ma le persone sono attratte dalle iniziative e quindi è sempre pieno di gente. Si vedono tanti turisti e tutte le attività stanno lavorando bene. Morale della favola è che si può chiudere se si programma e organizzano iniziative. Servono, in sostanza, chiusure intelligenti”.

Che tipo di turisti stanno arrivando?

“Turisti veri, da fuori provincia. Che magari rimangono anche a dormire qui in città o alle terme. E di questo va dato merito a Caffeina per il Christmas Village ma anche ad altre realtà che lavorano con costanza durante tutto l’anno per una Viterbo turistica, come i ragazzi di Archeoares che gestiscono il Museo del Colle del Duomo”.

Cosa state preparando per tutti?

“La nostra classica pizza su due piatti e dolci fatti da noi. Ci mettiamo del nostro per fare il meglio e far sentire sempre tutti a casa propria”.

Banner
Banner
Banner