Francigena, superato il Poa presentato in commissione. La difficile partita per far quadrare i conti

Francigena, superato il Poa presentato in commissione. La difficile partita per far quadrare i conti

In primis c'è il vulnus dei lavoratori "delle caldaiette". Da Poa ramo d'azienda che andava esternalizzato. Cosa che non è più accaduta. Quindi in capo a Francigena sono da conteggiare delle uscite che non ci sarebbero dovute essere. Altro fattore di criticità riguarda il nuovo grafo di rete. Per renderlo possibile è dato come necessario l'acquisto di nuovi mezzi. Con quali soldi?

ADimensione Font+- Stampa

Conti Francigena, in commissione arriva il Poa ma la confusione è tanta. Ieri mattina la discussione, in alcuni passaggi piuttosto accesa. C’è però un piccolo problema tecnico e pratico: il piano presentato è datato novembre. Peccato che nei mesi successivi la giunta Michelini abbia preso alcune decisioni che in sostanza non rendono più utile il documento, perché partorito in un quadro di realtà diverso.

In primis c’è il vulnus dei lavoratori “delle caldaiette”. Da Poa ramo d’azienda che andava esternalizzato. Cosa che non è più accaduta. Quindi in capo a Francigena sono da conteggiare delle uscite che non ci sarebbero dovute essere. Altro fattore di criticità riguarda il nuovo grafo di rete. Per renderlo possibile è dato come necessario l’acquisto di nuovi mezzi. Con quali soldi?

Quindi la situazione dei mancati pagamenti, da Francigena verso Comune, per le licenze delle farmacie. Si parla di 50mila euro all’anno che di non pagamento in non pagamento hanno partorito la ragguardevole cifra di 600mila euro.

Quindi un ulteriore problema. Il Poa di novembre prevedeva la vendita della sede Francigena di San Biele. Azione che avrebbe portato belle entrate. Peccato che la prospettiva non sia stata più concretizzata. Dove si troveranno quindi i soldi per far quadrare il rapporto tra entrate e uscite?

Se lo stanno domandando diversi consiglieri. Soprattutto quelli poco disposti a credere a dogmi. La vicenda è davvero complicata e di certo serve un altro Poa. E i soldi che mancheranno? Palazzo dei Priori è davvero pronto a ricapitalizzare la municipalizzata’

Natale Viterbo