Francigena, la farmacia de La Quercia non si vende

Francigena, la farmacia de La Quercia non si vende

Francigena, la farmacia de La Quercia non si vende. La decisione è stata presa dal consiglio comunale, che ha votato all'unanimità un emendamento presentato dal consigliere Gianmaria Santucci a nome di tutte le opposizioni.

ADimensione Font+- Stampa

Francigena, la farmacia de La Quercia non si vende. La decisione è stata presa dal consiglio comunale, che ha votato all’unanimità un emendamento presentato dal consigliere Gianmaria Santucci a nome di tutte le opposizioni.

La scelta rimane congelata per tutto l’anno. Approvato il Poa (Piano Organizzazione Annuale) della partecipata, con il voto favorevole dei consiglieri di maggioranza e l’astensione delle minoranze. In sala d’Ercole per rispondere alle domande dei consiglieri l’amministratore unico della partecipata Cesare Curcio.

La decisione è stata presa anche tenendo conto di una serie di rischi di contenziosi con il personale che la vendita della Farmacia avrebbe potuto innescare. Rimane il problema del bisogno di liquidità della srl per l’acquisto di nuovi autobus che permettano di svecchiare il vetusto parco mezzi. Uno dei temi affrontati la possibilità del trasferimento da Palazzo dei Priori alla municipalizzata della proprietà di San Biele. Trasferimento che permetterebbe a Francigena di mettere a garanzia il bene immobile e ricevere credito con cui acquistare i mezzi.

Il sindaco Michelini ha invitato tutti i consiglieri a sentirsi proprietari della partecipata e ribadito il concetto che potrà rimanere in essere solo se capace di reggersi con le proprie gambe sul mercato. E’ stata anche accolta la richiesta delle minoranze di affrontare in quinta commissione un ragionamento organico sulle possibili strade da percorrere per mettere Francigena nella condizione di poter acquistare nuovi pullman.