Francigena, il piano annuale 2015 prevede importanti novità sul personale

Francigena, il piano annuale 2015 prevede importanti novità sul personale

Grandi cambiamenti all'interno di Francigena per quanto riguarda il personale. Almeno è quanto prevede il Poa, presentato ieri in quinta commissione. Il piano aziendale annuale deve essere ancora approvato, ma contiene tutta una serie di punti interessanti. Non da ultimo il contributo di un milione di euro del Comune di Viterbo nelle casse della partecipata e la possibile "donazione" dello stabile di via San Biele.

ADimensione Font+- Stampa

Francigena, il piano operativo annuale 2015 contiene tante novità. Le più significative riguarderanno il personale. 4 unità andranno in prepensionamento, 4 commessi delle farmacie saranno dirottati nel segmento parcheggi come ausiliari del traffico. Cambiamenti importanti riguarderanno gli autisti dei pullman. Attraverso la sottoscrizione di un contratto integrativo aziendale si punta a recuperare circa 80mila euro. Una manovra che dovrebbe finire per ridurre lo stipendio dei lavoratori del comparto di qualche centinaia di euro. Poi c’è tutto il discorso sulle farmacie. Il Poa dà per certa la vendita della farmacia de La Quercia, con trasferimento di tutto il personale a Santa Barbara. La conseguenza sui lavoratori è che saranno sottoposti a un contratto di solidarietà che riduce del 50% l’orario di servizio. Uno dei due direttori rimarrà in carica mentre l’altro sarà messo in mobilità, per essere trasferito presso altre strutture sanitarie.

Il Poa 2015 prevede la vendita nei primi mesi dell’anno del ramo d’azienda del tecnologico (gestione impianti di riscaldamento). Tutto è stato discusso ieri all’interno della quinta commissione, ma il documento non è stato votato. Tornerà quindi in commissione per l’approvazione e poi sarà spedito, nei primi giorni del 2015, in consiglio comunale.

Sul Poa è messo nero su bianco anche un milione di euro che sarà trasferito dal Comune di Viterbo alla partecipata. Sul documento si parla anche di un eventuale trasferimento della proprietà di via San Biele, dove oggi si trovano il deposito mezzi e gli uffici Francigena, dal patrimonio di Palazzo dei Priori alla municipalizzata.

Un’operazione funzionale a rimettere in carreggiata l’azienda. Nelle conclusioni del Poa infatti si mette in evidenza l’esistenza di una perdita economica e di un deficit finanziario. Si parla di un margine di tesoreria negativo per circa 500mila euro e di un margine di struttura negativo per circa un milione di euro. Segnali di trand positivo tuttavia si sono registrati nella gestione del 2014.