Francesco Serra & Co. espulsi dal Partito Democratico, i dem sempre più deboli. Unici punti di riferimento Panunzi e Troncarelli

Francesco Serra & Co. espulsi dal Partito Democratico, i dem sempre più deboli. Unici punti di riferimento Panunzi e Troncarelli

Sempre più debole il Partito Democratico a Viterbo. Buttati fuori dal partito per due anni Francesco Serra, Patrizia Frittelli, Mario Quintarelli, Massimo Cappetti, Patrizia Prosperoni, Andrea Cutigni, Domenico Baldini e Bruno Vincenti. 

ADimensione Font+- Stampa

Sempre più debole il Partito Democratico a Viterbo. Buttati fuori dal partito per due anni Francesco Serra, Patrizia Frittelli, Mario Quintarelli, Massimo Cappetti, Patrizia Prosperoni, Andrea Cutigni, Domenico Baldini e Bruno Vincenti. 

Messi fuori, per due anni, dalla commissione di garanzia dell’Unione Regionale del Pd Lazio. Un pronunciamento arrivato in queste ore e innescato dal ricorso presentato dalla segretaria dell’Unione comunale Pd Martina Minchella. 

Le motivazioni: “Alle ultime elezioni comunali il Partito Democratico si è presentato con il proprio simbolo e con la lista approvata dai competenti organismo di partito. Gli iscritti Francesco Serra … (e gli altri già indicati n.d.r.) risultano essersi candidati non autorizzati, Serra come sindaco e gli altri come consiglieri, in una lista contrapposta a quella del Pd, contravvenendo allo statuto nazionale Pd”.

Il ricorso Minchella è stato accolto all’unanimità. Si aggiunge così un nuovo capitolo alla storia recente di sofferenza e colata a picco dei dem nel comune capoluogo. L’espulsione, una volta presentato il ricorso, si configurava come un atto dovuto. Un po’ masochista ma la scelta è apparsa obbligata. 

E così la sinistra cittadina continua a grandi falcate il proprio cammino verso l’irrilevanza. Dopo aver perso le elezioni politiche, fatto una figura terribile alle consultazioni comunali nel capoluogo l’unica luce possibile rimasta sembra essere quella del consigliere regionale Enrico Panunzi e dell’assessore regionale alle Politiche Sociali Alessandra Troncarelli.