Francesco Bigiotti alla Camera dei Deputati, sulla manovra: “Mio Comune potrebbe assumere 20 persone ma le norme lo vietano”

Francesco Bigiotti alla Camera dei Deputati, sulla manovra: “Mio Comune potrebbe assumere 20 persone ma le norme lo vietano”

Questa mattina circa 600 sindaci, provenienti da tutta Italia e guidati dal presidente dell'Anci Antonio Decaro, hanno preso posto tra i banchi di Montecitorio, ospiti della Camera dei Deputati e della presidente Laura Boldrini.

ADimensione Font+- Stampa

Il sindaco di Bagnoregio Francesco Bigiotti alla Camera dei Deputati per partecipare all’incontro ‘Le città del futuro’.

Questa mattina circa 600 sindaci, provenienti da tutta Italia e guidati dal presidente dell’Anci Antonio Decaro, hanno preso posto tra i banchi di Montecitorio, ospiti della Camera dei Deputati e della presidente Laura Boldrini.

Un appuntamento voluto per sottolineare lo sforzo quotidiano di sindaci e amministratori locali per raccogliere le sfide dell’innovazione e della sostenibilità ambientale, sociale e finanziaria.

Gli interventi della delegazione di primi cittadini si sono concentrati proprio sulle migliori pratiche messe in atto nei Comuni italiani per trovare soluzioni alle sfide del futuro, per una più efficiente amministrazione e per la salute e il benessere dei cittadini.

A margine dell’incontro alcuni sindaci hanno rilasciato dichiarazioni sulla manovra finanziaria. Hanno detto la loro anche i sindaci dei piccoli comuni, come rilanciato da una nota Ansa, e tra loro Francesco Bigiotti: “Quello di cui i Comuni hanno bisogno in modo improrogabile è un po’ più di elasticità: troppi i vincoli odiosi a cui dobbiamo sottostare, a partire dalle limitazioni sul personale. Nel mio Comune – ha osservato – riusciamo a vivere quasi in modo indipendente, grazie al turismo e alle entrate extratributarie, e siamo il comune con la minore pressione fiscale, visto che abbiamo abolito tutte le tasse. Saremmo pronti e avremmo le risorse per assumere almeno 20 addetti in più nel settore dei servizi, ma le attuali norme ci impongono invece di rivolgerci all’esterno, spendendo di più e dando lavoro a meno persone”. 

Tra gli intervenuti il Presidente della Commissione Bilancio della Camera Francesco Boccia e il Ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno Claudio De Vincenti.