Forza Italia-MoRi, Egidi: “È chiaro che si parlino”

Forza Italia-MoRi, Egidi: “È chiaro che si parlino”

Egidi parla del congresso del Pd, ma non si sbilancia. Su MoRi e Forza Italia dice “che è chiaro che si parlino”. Il segretario provinciale del Partito Democratico è intervenuto su Radio Verde durante Sbottonati. L’intervista.

ADimensione Font+- Stampa

Egidi parla del congresso del Pd, ma non si sbilancia. Su MoRi e Forza Italia dice “che è chiaro che si parlino”. Il segretario provinciale del Partito Democratico è intervenuto su Radio Verde durante Sbottonati. L’intervista.

 

Ubertini dice che Forza Italia tratta con i MoRi, che sono un vostro alleato. Cosa ne pensa?

“Ubertini dice il vero, non so se anche a Viterbo, ma che quella formazione politica parli anche con Forza Italia è chiaro. A Viterbo è più complicata, c’è anche di mezzo uno come Giulio Marini”.

Anche lui dice di essere pronto ad andarsene (leggi).

“Va chiesto a lui, capisco già con difficoltà le dinamiche del Pd, figuriamoci quelle di Forza Italia. Si vedrà alle prossime elezioni”.

Chi sostiene per il congresso?

“C’è tempo per valutare e capire. Dopo il congresso nazionale c’è quello provinciale (in autunno, ndr), bisogna stare attenti a non dividere l’esperienza che abbiamo costruito. Serve senso di responsabilità e bisogna ascoltare, capire e infine valutare tutti insieme, almeno mi auguro”.

Cosa succede nel 2018? Un Michelini-bis?

“È una delle ipotesi, ad ora la più accreditata. Le giunte uscenti si valutano e poi si richiede se proseguire o se cambiare, ma è una discussione che non riguarda solo me”.

C’è delusione per questi anni?

“Ognuno dà il suo giudizio. Servirà una valutazione complessiva alla fine del percorso e nell’ultimo periodo sembra che ci sia stato un lavoro più ordinato, approfondito nel disegno della città. Mi sembra ci sia più attenzione”.

Ma tornando al congresso, Emiliano, Orlando o Renzi?

“Laura Puppato”. (Scherza, ndr).

Banner
Banner
Banner