“Fiore del Cielo è abbandonata tra le nebbie di Milano, nessuno la dia più in comodato senza sentire il Consiglio”

“Fiore del Cielo è abbandonata tra le nebbie di Milano, nessuno la dia più in comodato senza sentire il Consiglio”

La cifra è stata annunciata da Francesco Moltoni e Sergio Insogna, consiglieri di minoranza che dicono anche di aver ricevuto dal Comune la risposta all’interrogazione in merito ai costi dell’operazione-Expo

ADimensione Font+- Stampa

Fiore del Cielo a Expo: “nessuno pensi di darla in comodato od addirittura di regalarla senza aver sentito prima il Consiglio Comunale”.

La presa di posizione è stata annunciata da Francesco Moltoni e Sergio Insogna. I consiglieri criticano l’amministrazione Michelini in merito alla Macchina di Santa Rosa per averla “abbandonata tra i capannoni di un Expo terminato, non si sa con quali tutele e quali garanzie di salvaguardia strutturale, con il rischio concreto che il Comune possa subire sanzioni economiche per non aver ottemperato in tempo alla sua rimozione nell’area gratuitamente concessa all’opera di Vittori, ingiustamente ignorato”.

Insogna e Moltoni si dicono certi che l’esposizione possa “aver comportato una visibilità della città e questo deve essere apprezzato, non si capisce perché i lungimiranti amministratori della Città di Viterbo abbiano previsto il solo biglietto di andata”. Parlano poi di “un fallimentare e confuso tentativo di farla ritornare senza sapere né come, né quando e soprattutto non avendo alcuna ipotesi di finanziamento”. Insomma “un altro flop. Questa situazione denuncia in maniera chiara e limpida l’approssimazione, la superficialità e la goffagine del sistema di governo del Sindaco”.

Infine il monito sui prossimi utilizzi della Macchina di Santa Rosa: “la Macchina di Santa Rosa è di proprietà della Città di Viterbo. Nessuno pensi nuovamente di poterne disporre, di dargli nuove destinazioni, di darla in comodato od addirittura di regalarla senza aver sentito prima il Consiglio Comunale”.

 

Avevamo erroneamente interpretato il comunicato dei consiglieri Insogna e Moltoni titolando male il costo dell’operazione Expo. Ci scusiamo con i lettori, con i consiglieri e con l’amministrazione comunale per l’accaduto.