Festival del Volontariato a Palazzo dei Priori, cambia sede ma rimane la cena in piazza con mille persone

Festival del Volontariato a Palazzo dei Priori, cambia sede ma rimane la cena in piazza con mille persone

Segnare in agenda 5-8 maggio. Torna nel capoluogo della Tuscia il Festival del Volontariato, che come ogni anno vuole accendere i riflettori per qualche giorno su un mondo silenzioso che però ogni giorno cambia tante vite nel territorio.

ADimensione Font+- Stampa

Segnare in agenda 5-8 maggio. Torna nel capoluogo della Tuscia il Festival del Volontariato, che come ogni anno vuole accendere i riflettori per qualche giorno su un mondo silenzioso che però ogni giorno cambia tante vite nel territorio.

La consulta ha già messo in moto la macchina organizzativa e sta progettando la nuova edizione. Si cambia location, da piazza Fontana Grande il tutto sarà spostato a Palazzo dei Priori. “Un cambio di location dettato dalle esigenze, il cuore resta a piazza Fontana Grande”, spiega il presidente della consulta Marco Ciorba. In pratica il trasferimento è stato reso necessario dal prossimo inizio dei lavori all’ex tribunale, dove appunto sarà realizzata quanto prima proprio La Casa del Volontariato.

Ma la location di Palazzo dei Priori ha il suo fascino e i suoi perché. Innanzitutto il significato simbolico di portare i tanti viterbesi delle associazioni a casa propria. Poi permetterà a tanti di visitare e godere a pieno della splendide sale affrescate e delle bellezze storico-artistiche presenti. Nella parte alta del palazzo si svolgeranno incontri e convegni mentre sotto ai portici e nel giardino del Comune saranno allestiti gli stand delle varie realtà associative.

“Non posso svelare più di tanto – racconta Ciorba -. E’ tutto in preparazione. Di sicuro non mancherà la cena di mille persone a piazza del Plebiscito. Stiamo lavorando sui camerieri. Avremo i ragazzi speciali, i politici e stiamo ragionando su una terza categoria da coinvolgere. Poi c’è ancora da definire la madrina, lo scorso anno era stata la Minetti”.

Decarta racconta la Tuscia