Ex terme Inps: se lo studio Piscopo tarda ad arrivare, sarebbe colpa della regione

Ex terme Inps: se lo studio Piscopo tarda ad arrivare, sarebbe colpa della regione

Da Roma sembra che abbiano deciso di chiedere, prima della pubblicazione del bando, la valutazione ambientale strategica.

ADimensione Font+- Stampa

Ex terme Inps: se lo studio Piscopo tarda sarebbe colpa della regione. A non permettere la pubblicazione dello studio che dovrà stabilire quanta acqua dedicare all’ex impianto dell’istituto previdenziale, sarebbe la Regione Lazio. Da Roma infatti, secondo quanto riportato nei giorni scorsi da Massimo Chiaravalli sul Messaggero, sembra che abbiano deciso di chiedere, prima della pubblicazione del bando, la valutazione ambientale strategica. O semplicemente Vas.

Sarebbe questo il motivo del ritardo che potrebbe comportare un ulteriore ritardo di mesi nella pubblicazione del bando, che il Comune di Viterbo voleva pubblicare entro il 31 marzo.

Lo scorso fine settimana il sindaco Leonardo Michelini e l’assessore Antonio Delli Iaconi sono andati alla Regione proprio per questo motivo. I tempi per la Vas infatti non sono brevissimi: si parla di due o quattro mesi addirittura. Senza la Vas non si potrebbe adottare ufficialmente lo studio Piscopo. E senza lo studio non si potrebbe mettere il quantitativo di litri\secondo a disposizione per chi dovrà partecipare al bando. Senza i litri, non ci sarà bando.

L’amministrazione si dice comunque fiduciosa di poter sbloccare la situazione.

Banner
Banner
Banner