Ecco a voi Etruscopolis. Una via per il rilancio della Tuscia tramite gli etruschi

Ecco a voi Etruscopolis. Una via per il rilancio della Tuscia tramite gli etruschi

Vi mostriamo Etruscopolis, il parco tematico sulla civiltà etrusca già presente a Tarquinia. Praticamente siamo a un tiro di fucile dalle famose tombe dipinte, patrimonio Unesco.

ADimensione Font+- Stampa

15mila metri quadrati per immergersi nel mondo degli antichi etruschi. Benvenuti, questa è Etruscopolis. E’ la creatura di Omero Bordo, l’uomo definito dal Times “l’ultimo etrusco”. Le sue riproduzioni di vasi, oggetti, statue dell’antico popolo, tra i più enigmatici della storia conosciuta, sono al Louvre (duecentocinquanta pezzi), al Museo Vittoria di Melbourne, al Paul Getty di Los Angeles. Molte sono anche qui, in questo meandro di cunicoli che si snodano all’interno di una vecchia cava etrusca.

Qui veniva estratto il macco, soffice come la cipria. Siamo a Tarquinia, sotto Tarquinia in pratica. Precisamente all’interno di una montagnola. Etruscopolis è stata pensata dal suo ideatore come un luogo didattico, dove la gente può comprendere meglio il mondo degli etruschi. Le vetrine espositive contengono copie fedeli di corredi funebri (bronzi, ceramiche, buccheri, oreficerie, amuleti, statue e altro). Ci sono ben sette riproduzioni di tombe dipinte a dimensione naturale, la copia di un’abitazione di tipo villanoviano e diverse scene che mostrano la vita quotidiana e lavorativa dell’antica civiltà.

Etruscopolis aprirà prossimamente al grande pubblico ma è visitabile, per gli appassionati, su prenotazione. Un’intuizione di notevole interesse, collocata a un tiro di fucile dalle splendide tombe dipinte di Tarquinia. Da un patrimonio unico al mondo, divenuto non a caso bene dell’Unesco.

Per farsi un’idea più dettagliata di questo luogo è possibile visitare il sito ETRUSCOPOLIS.

 

Etruscopolis 1