Emergenza furti a Vitorchiano ancora senza una soluzione

Emergenza furti a Vitorchiano ancora senza una soluzione

Il blog "La voce dei vitochianesi" porta in evidenza il tema in vista delle imminenti elezioni comunali

ADimensione Font+- Stampa

Continua l’emergenza furti a Vitorchiano, una piaga che da anni affligge il paese della Tuscia e che nonostante i tantissimi sforzi delle forze dell’ordine non sembra finire. A ondate, infatti, i malviventi tornano a visitare Vitorchiano in una escalation di furti in villa che solitamente si conclude con un pattugliamento serrato di tutte le zone del paese. Dopo un periodo di quiete, però, i ladri tornano a far visita alla città. A denunciare la nuova ondata è una lettera firmata “La voce dei Vitorchianesi”, blog cittadino che nasce per dare voce agli abitanti.

“Nonostante gli sforzi delle Forze dell’ordine i malviventi non abbandonano Vitorchiano. L’immobilismo cronico dell’amministrazione comunale non aiuta il lavoro infaticabile dei Carabinieri e lascia nello sconforto più totale i propri cittadini. Cittadini che hanno chiesto da anni un sistema di videosorveglianza visionabile da personale preposto che permetterebbe l’intervento immediato delle Forze dell’ordine garantendo la sicurezza di cui tutti hanno diritto, sistema promesso dall’amministrazione dal famoso consiglio aperto richiesto dall’opposizione nel 2012, purtroppo svanito nel nulla”.

L’accusa del blog, infatti, è diretta proprio contro la politica della città, che finora non ha saputo accontentare le richieste di maggiore sicurezza della popolazione. “Amministrazione interessata solo alla campagna elettorale  con cui, a mezzo stampa, il nuovo candidato Sindaco della lista Insieme per Vitorchiano, se eletto, vorrebbe legalizzare le ronde scaricando così le responsabilità dell’amministrazione sulle spalle dei cittadini. Le ronde possono rappresentare un’eccezione per un limitato periodo ma non la regola che tra l’altro metterebbe a rischio la sicurezza di gente che dopo tutta la giornata di lavoro la notte si ritrova ad effettuare un servizio di cui non può e non deve essere preparata”.

“La lista Progetto Futuro Vitorchiano asserisce che con la quota destinata per legge alla sicurezza pubblica dei proventi autovelox sia subito fattibile un impianto capillare di telecamere a costo zero per i cittadini. Ci chiediamo perché l’amministrazione non abbia mai utilizzato tali fondi abbandonando di fatto la cittadinanza alla delinquenza?”.

Decarta racconta la Tuscia