Elt, storia di imprese che seminano comunicazione turistica della Tuscia in Europa

Elt, storia di imprese che seminano comunicazione turistica della Tuscia in Europa

A distanza di brevissimo periodo dagli educational ospitati e dalla conclusione del progetto Tuscia Beyond Borders, arrivano i primi riscontri per l’attività promossa dalla Rete Etruscan Life Tour.

ADimensione Font+- Stampa

A distanza di brevissimo periodo dagli educational ospitati e dalla conclusione del progetto Tuscia Beyond Borders, arrivano i primi riscontri per l’attività promossa dalla Rete Etruscan Life Tour

E’ importante sottolineare questi primi ma significativi riscontri perché sono il frutto della sinergia di un’attività pubblica (Regione Lazio) e privata (le 5 aziende promotrici con il supporto in servizi delle altre imprese della rete) che per portata e dimensione ha pochi, se non alcuno, precedenti nella Tuscia.

Se da parte dell’amministrazione pubblica ci si attende investimenti sul territorio, pensare che cinque realtà economiche private (Terme Salus, Terme dei Papi, Balletti Hotels, Archeoares e Promotuscia) potessero sostenere una iniziativa di promozione territoriale congiunta e non limitata alla propria impresa costituisce sicuramente un precedente rilevante. La rete ELT è, quindi, felice di poter segnalare i già numerosi passaggi sui media britannici, francesi, svizzeri e tedeschi.

La Deutche Welle TV ha già messo in onda servizi in lingua inglese (On the road in Tuscia, Italy) e tedesca (Unterwegs durch das Italienische Tuszien), nella Svizzera tedesca è uscito un’ampio articolo sul Basler Zeitung (vedi immagine allegata). In Inghilterra la visibilità è stata garantita dall’articolo su Italia!Magazine; infine, in Francia l’eco della Tuscia ha trovato la via di Mag Centre e VSD.

Questi sono solo alcuni degli articoli e video prodotti dai rappresentanti della stampa estera ospiti della Rete nell’autunno 2016. A questi articoli vanno aggiunti la promozione stessa dell’educational realizzata dalle camere estere presso i tour operator e i giornalisti dei rispettivi paesi, che sono, quindi, stati informati sull’offerta turistica e culturale della Tuscia, e i vari blog delle differenti aziende che hanno deciso di presentare il nostro territorio ai loro clienti (come Happiness Hub).

Con i giornalisti, comunque, il lavoro non è ancora ultimato e sono prossime ulteriori uscite programmate su importanti riviste estere.

Non si può sottacere, inoltre, che la stampa era meno rappresentata rispetto ai tour operator. Naturalmente le imprese di questo genere hanno tempistiche più lunghe per dare risultati, ma sono già arrivate le prime richieste per ospiti inviati dai nuovi partner della rete a cui offrire una splendida esperienza nella Tuscia, certi della collaborazione di tutta la comunità.