Elezioni Comunali 2018 | Il profilo degli 8 candidati a Sindaco

Elezioni Comunali 2018 | Il profilo degli 8 candidati a Sindaco

Meno di 30 giorni per decidere il destino della città con le elezioni comunali del 10 giugno: se lo contendono 8 candidati a Sindaco, 18 liste e circa 600 candidati al Consiglio. Poche le novità

ADimensione Font+- Stampa

Elezioni comunali Viterbo 2018

Meno di 30 giorni per decidere il destino della città con le elezioni comunali del 10 giugno: se lo contendono 8 candidati a Sindaco, 18 liste e circa 600 candidati al Consiglio. Poche le novità di questa campagna elettorale, almeno “sopra la scocca”, che vede in campo nomi noti della scena politica e sindacale cittadina, e sicuramente nessuna sorpresa, se l’unità del Centrodestra non vogliamo farla rientrare tra queste. È sicuramente una novità il fatto che il Pd abbia due candidati, Serra e Ciambella.

Si va dall’estrema destra alla sinistra radicale, con tre candidati puramente civici oltre al Movimento 5 Stelle; tre donne e cinque uomini. I candidati sono Giovanni Arena, Paola Celletti, Luisa Ciambella, Massimo Erbetti, Chiara Frontini, Filippo Rossi, Francesco Serra e Claudio Taglia.

 

Candidati alle elezioni comunali di Viterbo

  • Giovanni Arena, Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia, Udc, Fondazione
  • Paola Celletti, Lavoro e Beni Comuni
  • Luisa Ciambella, PD e alleati
  • Massimo Erbetti, Movimento 5 Stelle
  • Chiara Frontini, Viterbo2020
  • Filippo Rossi, Viva Viterbo
  • Francesco Serra, minoranza Pd
  • Claudio Taglia, CasaPound Italia

 

I candidati a Sindaco di Viterbo

Giovanni Arena. Ex assessore delle giunte di Centrodestra Marini e Gabbianelli, è stato anche dirigente dell’Arpa Lazio ed è uno degli uomini di punta della coalizione da qualche anno. È il candidato considerato favorito ed è l’unico certo, secondo gli addetti ai lavori, di andare al ballottaggio grazie al sostegno di tutti i partiti di Centrodestra più la lista civica di Fondazione. Il Vicesindaco sarebbe della Lega.
Cinque liste a sostegno: Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia, Udc e FondAzione.

Paola Celletti. Sindacalista della USB è l’unico candidato che arriva da Sinistra e raccoglie l’eredità dell’esperienza del 2013 di Solidarietà cittadina e Partito della Rifondazione Comunista. In lista anche l’ex candidato sindaco Marco Prestininzi e altri nomi noti dell’attivismo di sinistra viterbese. Celletti ha fatto parte anche del Comitato cittadino per l’acqua pubblica “Noi non ce la beviamo” con Chiara Frontini e Gianluca De Dominicis.
Una lista a sostegno: Lavoro e Beni comuni.

Luisa Ciambella. Vicesindaco di Leonardo Michelini, per alcuni sindaco ombra negli ultimi mesi della vita amministrativa cittadina, è nota per il suo forte legame con l’on. Giuseppe Fioroni. È stata consigliera di opposizione in era Marini sindaco, è stata ad un passo dell’elezione in Consiglio Regionale nel 2018. In seguito alla sua candidatura il Pd si è spaccato definitivamente trovandosi con due candidati a sindaco.
Tre liste a sostegno: Partito Democratico e le civiche Orizzonte Comune e La voce dei giovani viterbesi.

Massimo Erbetti. È il candidato del Movimento 5 Stelle, commerciante, dal 2013 fa parte del gruppo bilancio e del gruppo comunicazione del MeetUp viterbesi. È considerato uno degli elementi che si è impegnato di più in questi 5 anni a sostegno del lavoro del Consigliere comunale pentastellato Gianluca De Dominicis.
Una lista a sostegno: Movimento 5 Stelle.

Chiara Frontini. Nel 2013, all’età di 24 anni, si candida a sindaco con le liste a sostegno Viterbo2020 e Rotta Comune centrando l’entrata in Consiglio comunale, in seguito alla fine del suo mandato di assessore in quota “quarantenni” nella Giunta Marini. Un distacco traumatico che l’ha portata a fondare un Movimento Civico che oggi raccoglie tante personalità di vari colori politici. Tra tutti spiccano Alfonso Antoniozzi e Claudio Cozzi.
Due liste a sostegno: Viterbo2020 e Viterbo Cambia.

Filippo Rossi. Ogni parola spesa da Filippo Rossi in qualunque contesto, scatenerà un uragano nel mondo politico locale. Il fondatore di Caffeina e Viva Viterbo si candida per la seconda volta a sindaco dopo 4 anni spesi a sostegno di Leonardo Michelini in seguito al ballottaggio del 2013. Nel 2018 si è candidato in Regione a sostegno di Nicola Zingaretti e ora ha dalla sua una lista civica vicina al suo vicepresidente Massimiliano Smeriglio.
Due liste a sostegno: Viva Viterbo e Area Civica.

Francesco Serra. Leader della minoranza del Partito Democratico e del fronte serra-panunziano che ha rotto con la maggioranza fioroniana-popolare dopo la candidatura di Luisa Ciambella. I 5 anni di litigi in casa Pd dunque terminano nel peggiore dei modi. Serra e i suoi sono stati vicini ad una alleanza con Viva Viterbo e Filippo Rossi, ma alla fine correranno da soli.
Due liste a sostegno: Viterbo dei cittadini e Impegno Comune.

Claudio Taglia. Ex assessore al bilancio e al termalismo, ex candidato con Futuro e Libertà alle Regionali del 2013 e di CasaPound Italia al Senato e alle Regionali del 2018, Taglia è stato per un momento anche vicino a Oltre le Mura durante le elezioni del 2013. Noto e stimato medico presso Belcolle corre per portare a Palazzo dei Priori per la prima volta Casapound in Consiglio comunale.
Due liste a sostegno: CasaPound Italia e Viterbo in Musica.

 

Quando si vota

Tutti al voto domenica 10 giugno. L’eventuale ballottaggio, previsto solo per Viterbo, fissato per domenica 24 giugno.

Oltre a Viterbo sono chiamati al rinnovo del sindaco e del rispettivo consiglio anche i comuni di Vallerano, Vignanello, Sutri. Tutti a scadenza naturale. A questi va aggiunto Valentano, dove una grave malattia del sindaco eletto un anno fa (Francesco Pacchiarelli) ha reso necessario il commissariamento e quindi il voto anticipato.

 

 

Decarta racconta la Tuscia