Egidio17 racconta la vita di Vittoria Colonna

Egidio17 racconta la vita di Vittoria Colonna

Oggi giovedì 3 dicembre alle ore 17 lo storico Antonio Rocca, direttore artistico di Egidio17, insieme all’italianista Stella Fanelli e alla specialista di Storia del costume rinascimentale Elisabetta Gnignera daranno vita ad una conversazione a più voci

ADimensione Font+- Stampa

Vittoria Colonna, Reginald Pole e la Viterbo rinascimentale al centro di una conversazione Antonio Rocca, Stella Fanelli ed Elisabetta Gnignera presso la chiesa del Gesù, anche conosciuta come chiesa di san Silvestro.

Oggi giovedì 3 dicembre alle ore 17 lo storico Antonio Rocca, direttore artistico di Egidio17, insieme all’italianista Stella Fanelli e alla specialista di Storia del costume rinascimentale Elisabetta Gnignera daranno vita ad una conversazione a più voci nel 490° anniversario esatto della morte di Francesco Ferrante d’Avalos, consorte della Colonna, deceduto il 3 dicembre 1525, “ma reso eterno – scrive Egidio17 – dalle rime della poetessa la quale, da sposa, divenne ben presto madre dogliosa avvolta prima ne’ chiari, or negli oscuri panni.

Nel mio caro Viterbo… scriveva Vittoria Colonna al Cardinale Reginald Pole da Roma nel 1544 – aggiunge Egidio17 – a dimostrazione dell’affetto che legava la nobildonna alla nostra città. Grazie ad Egidio17 Viterbo ricambia questa speciale predilezione, dedicando alla Marchesa di Pescara un incontro per illuminare aspetti poco noti della vita e della personalità di una delle figure più influenti del proprio secolo”.