Ecco il Natale della Quercia, presentazione con polemica per l’assenza del Comune

Ecco il Natale della Quercia, presentazione con polemica per l’assenza del Comune

Proloco di Viterbo e Basilica della Madonna della Quercia ieri in conferenza stampa si sono ritrovati con la buca data dal Comune. L'amarezza degli organizzatori non cancella però il valore simbolico e spirituale dell'iniziativa

ADimensione Font+- Stampa

Presentate le iniziative della Proloco di Viterbo e della Basilica della Madonna della Quercia: iniziative simboliche e importanti, ma il Comune è assente e Irene Temperini non ci sta: “Alla Quercia una realtà viva e vera. C’è una rete di energie che si mettono all’opera. Persone che si sentono parte di qualcosa: questo è il nostro motore. La presenza del Comune sarebbe stata gradita”. Una iniziativa importante quella della Proloco di Viterbo che ha messo radici presso la Madonna della Quercia da più di un anno dando vita ad una liaison produttiva e preziosa.

Tante iniziative, come il concerto della Banda della Marina Militare già arrivato a Viterbo e pagato fior di soldi all’amministrazione per permetterne la realizzazione all’Unione, che suonerà senza che il Comune spenda un euro di soldi pubblici. Così come tutte le iniziative realizzate per la celebrazione dei 600 anni della Madonna della Quercia, di fatto dimenticata da Palazzo dei Priori, e ricordata grazie alla sinergia nata tra Don Massimiliano con Irene Temperini, tra Basilica e Proloco. Anche per questo l’assenza dell’amministrazione comunale sarebbe stata almeno un segnale: “La loro presenza anche per questo motivo sarebbe stata opportuna. Non abbiamo mai preso un euro e abbiamo realizzato tante iniziative”. Ha commentato amaramente Irene Temperini.

Tra gli appuntamenti: la presentazione di presepi realizzati dall’AISM e da persone affette da sclerosi multipla oppure il presepe realizzato dalle Sbandieratrici di Santa Rosa, all’interno di un tamburo. Poi il concerto della Banda della Marina il 17 dicembre alle 16.30.

Poi la riapertura del Chiostro con la fontana del ‘600 in Peperino: “Un luogo meraviglioso che riconsegniamo alla città”. Tra gli eventi più importanti e significativi dal punto di vista simbolico la conclusione del pellegrinaggio della Madonna della Quercia, dopo 1 anno e mezzo. Periodo nel quale ha girato le 96 parrocchie della Diocesi, che hanno dimostrato un legame molto forte con il culto nato 600 anni fa.