È iniziato il workshop di Immagini dal Sud del Mondo in carcere per aspiranti documentaristi

È iniziato il workshop di Immagini dal Sud del Mondo in carcere per aspiranti documentaristi

Il workshop ha come obiettivo quello di raccontare un luogo: quello scelto per la sessione di formazione è la Casa Circondariale di Viterbo

ADimensione Font+- Stampa

È iniziato ieri il workshop di Immagini dal Sud del Mondo in carcere per aspiranti documentaristi. La storica rassegna cinematografica prodotta da Aucs onlus ha chiuso il bando di selezione per i partecipanti al corso di formazione dedicato a studenti universitari. Il workshop dedicato al Cinema del reale inizia oggi e terminerà il prossimo 13 dicembre, con 2 appuntamenti a settimana della durata di 3 ore al quale parteciperanno 5 ragazzi dell’Unitus. Il laboratorio si svolgerà presso la Casa Circondariale di Viterbo e servirà per trasmettere ai giovani le nozioni base per la realizzazione di un corto documentario, dall’ideazione al videomaking.

Il workshop ha come obiettivo quello di raccontare un luogo: quello scelto per la sessione di formazione è la Casa Circondariale di Viterbo. L’appuntamento è curato da Aware, Stati generali del film documentario una giovane associazione con sede a Trieste, nata all’interno del percorso di formazione e produzione FilmaP (Napoli) grazie della sinergia di sette documentaristi: Margherita Panizon, Sabrina Iannucci, Francesco Romano, Caterina Biasiucci, Carlo Manzo, Chiara Postiglione e Giovanni Sorrentino.

“L’associazione – spiegano gli organizzatori – è nata con l’obiettivo di creare, definire e diffondere una cultura del cinema documentario, nello specifico del cinema del reale, organizzando workshop, rassegne cinematografiche e produzione di film, in Italia e all’estero”.

Fondamentale, nell’ambito dell’iniziativa, è la collaborazione con il settore detenzione dell’associazione ARCI Solidarietà Viterbo Onlus che da anni lavora all’interno della Casa Circondariale di Viterbo con uno sportello di ascolto, informazione e orientamento sociale e con la promozione all’interno dello spazio detentivo di attività culturali e formative. Il materiale per la realizzazione del workshop è stato concesso dall’associazione FilmaP e ARCI Movie di Napoli.