È Bizzarri show: “Marini con la bandiera bianca può farci un copricapo o una sciarpa”

È Bizzarri show: “Marini con la bandiera bianca può farci un copricapo o una sciarpa”

Bizzarri replica alla minoranza: da Giulio Marini a Chiara Frontini. "Con la bandiera bianca può farci una sciarpa" e "Se la Frontini fosse stata figlia mia, con uno schiaffo l'avrei attaccata al muro".

ADimensione Font+- Stampa

Daniela Bizzari show. Dopo i diversi attacchi delle minoranze sull’amministrazione Michelini lei replica. In primis a Giulio Marini e alla sua “bandiera bianca” cantata al megafono alla conferenza di sabato mattina. Ma ne ha anche per i suoi: “Speriamo che dopo questo azzeramento di giunta, tutti facciano pace con il cervello e si lavori. Non ce l’ha ordinato il medico di fare gli amministratori”. Dura su Gianmaria Santucci: “Ci dice di lavorare, ma lui quando ha lavorato? In Regione non l’hanno mai visto”. E su Chiara Frontini: “Tutte quelle cose che ha detto al sindaco, se le avesse dette mia figlia le davo uno schiaffo che l’attaccavo al muro”. E su Marini va così: “E’ l’ultimo che può parlare”.

 

Marini ha cantato “bandiera bianca” dedicandovela. Che ne pensa?

“Ogni cosa è buona per attaccare e loro sono stati i pessimi in maniera particolare. Spara su di noi che i maggiori problemi ce li siamo trovati appena arrivati. Che pensa che loro sono santi e non hanno responsabilità di quanto accaduto per 18 anni in città? E’ l’ultimo che può parlare. La bandiera bianca può farci un copricapo, una sciarpa. Noi non l’alziamo bandiera bianca”.

 

Ma come stanno messi questi dell’opposizione?

“Peggio di noi, inutile che fanno i banchetti. Tra Forza Italia e la Frontini non si sa chi fa più banchetti. Almeno noi il bilancio l’abbiamo votato, a Marini i suoi gli hanno votato contro anche il bilancio. Comunque a me questo ruolo di consigliera non mi piace neanche un po’, se non fosse per poter dare una mano alla gente. Io sto meglio quando ci sono i lavori da fare piuttosto che in consiglio. Un consiglio pieno di sciacalli. Santucci dice che dobbiamo andare a lavorare, e lui quando ci va a lavorare? In Regione non l’hanno visto mai. Noi abbiamo i fenomeni e non ce ne siamo accorti”.

 

In che senso?

“Se fossi stata il presidente del consiglio Santucci l’avrei mandato via almeno quattro volte dall’aula. Come gli pare ci fa a casa sua se glielo lasciano fare. Filippo Rossi è troppo buono e lascia troppo fare. Non è in grado di gestire una minoranza di questa natura, fanno il porco comodo loro. Quello che è uscito dalla bocca della Frontini poi … Se l’avesse detto mia figlia con uno schiaffo l’avrei attaccata addosso al muro. Se questo è l’insegnamento che gli hanno dato i genitori stiamo apposto. Quando noi eravamo in minoranza non siamo mai scesi a questo livello di maleducazione. Rossi è troppo buono e troppo disponibile con questa opposizione”.

 

Veniamo alla maggioranza. Che succederà?

“Il sindaco ha fatto bene a ritirare le deleghe. Si è sempre parlato che non c’era un collante nella giunta, tra giunta e consiglieri, etc. Ora ha azzerato, speriamo che tutti facciano pace con il cervello. Chi se la sente di fare questa cosa la fa, altrimenti va a casa. Non ce l’ha mica ordinato il dottore di fare gli amministratori. Il sindaco, in questi 18 mesi, avrà capito se qualcosa non ha funzionato e dove non ha funzionato.

 

Ma le persone rimangono queste?

“Lui ha sospeso le deleghe agli assessori. Non so. Non credo ci saranno colpi di scena, comunque la questione è imprevedibile”.