Due settembre, è il giorno del corteo storico con il “sacro cuore”

Due settembre, è il giorno del corteo storico con il “sacro cuore”

Tutti gli anni l'appuntamento che segna la porta d'ingresso al clima della festa per Santa Rosa è rappresentato dalla processione del 2 settembre, accompagnata dal suggestivo corteo storico.

ADimensione Font+- Stampa

Tutti gli anni l’appuntamento che segna la porta d’ingresso al clima della festa per Santa Rosa è rappresentato dalla processione del 2 settembre, accompagnata dal suggestivo corteo storico. La partenza alle 17,30 dalla cattedrale intitolata alla patrona, con circa 300 figuranti. Gli abiti, curati nei minimi dettagli, ricoprono l’arco temporale che va dal Medioevo al Rinascimento. Sfilano per le vie del centro storico rievocazioni di cariche civili, militari ed ecclesiastiche importanti nella vita del Comune.

Parte importante della sfilata i “boccioli di Santa Rosa”, bambine che stanno a rappresentare il legame profondo tra la gente di Viterbo e la santa bambina. Ci sono poi gruppi di ragazze, chiamate “rosine”, vestite con il classico saio grigio e viola delle suore clarisse. Portano ceste di rose e candele da donare alla patrona. Sono queste figure che separano i quadri temporali in cui è articolato il corteo. Ruolo centrale è quello rivestito dai Facchini, che accompagnano il “sacro cuore” di Rosa.

Il corteo storico percorre l’itinerario seguente: Partenza alle ore 17.30 dalla cattedrale di Santa Rosa. Prosegue poi su Via Santa Rosa, Corso Italia,Via Saffi,Piazza Fontana Grande,Via delle Fabbriche,Via S.Pietro,Via S.Pellegrino,Via C.La Fontaine,Via S.Lorenzo,Piazza S.Lorenzo (Duomo).

Al ritorno il percorso è il seguente: Piazza San Lorenzo (Duomo),Via S.Lorenzo,Via C. La Fontaine,Via Annio,Via Cavour,P.zza del Plebiscito,Via Ascenzi,P.zza del Sacrario,Via Marconi,Via Santa Rosa,Cattedrale (arrivo).