Quattro forti scosse di terremoto: nella Tuscia evacuate e chiuse per precauzione le scuole

Quattro forti scosse di terremoto: nella Tuscia evacuate e chiuse per precauzione le scuole

Paura per una serie di forti scosse di terremoto che hanno colpito nuovamente il Centro Italia. Tre di forte intensità, con magnitudo oltre i 5 gradi. L'epicentro nella provincia de L'Aquila ma sono state avvertite anche nella Tuscia tra le 10.30 e le 11.26 di questa mattina.

ADimensione Font+- Stampa

Paura per una serie di forti scosse di terremoto che hanno colpito nuovamente il Centro Italia. Tre di forte intensità, con magnitudo oltre i 5 gradi nella mattinata. Una, sempre sopra i 5 gradi, dopo poco le 14. Per tutte l’epicentro è stato nella provincia de L’Aquila ma sono state avvertite anche nella Tuscia. Le prime tre forti scosse sono state registrate tra le 10.30 e le 11.26 di questa mattina.

La terra ha tremato forte, per la prima volta, alle 10.25: magnitudo 5.3. Poi 16 scosse meno intense fino a un nuovo picco sismico alle 11.14, quando una nuova scossa ha raggiunto magnitudo 5.4. Subito dopo alle 11,26 una terza scossa di 5.3. Il sisma si è sentito chiaramente anche a Roma. Stesso discorso dopo le 14 con una nuova forte scossa di magnitudo 5.1.

Tremano le case nel capoluogo e in mezza Tuscia

Il terremoto è stato avvertito in buona parte del Viterbese. Anche nel capoluogo la paura è stata forte. Nelle case hanno iniziato a tremare mobili e lampadari, anche ai piani bassi.

Chiuse le scuole e studenti fuori dalle aule

A Orte, Ronciglione e Vignanello gli studenti sono stati rimandati a casa e le scuole sono state chiuse. Stesso provvedimento anche a Vetralla. A Viterbo diverse classi sono scese in strada. In Prefettura è stato riunito il Comitato sulla Sicurezza.

Chiusa la linea ferroviaria Roma-Viterbo

La linea ferroviaria Roma-Viterbo è stata chiusa e cancellati i treni delle 12,58 e 14,03 della tratta Attigliano-Viterbo. Atac ha comunicato che la decisione della chiusura è conseguente alla necessità di verificare la sicurezza del tratto ferroviario dopo le scosse sismiche.

Chiamate ai Vigili del Fuoco

Tante le telefonate ricevute dai Vigili del Fuoco di Viterbo in queste ore. Nessun danno a persone o cose, più che altro si è trattato di richieste di consigli.

 

 

Banner
Banner
Banner