Direttamente dall’età del Bronzo antico arriva a palazzo papale ‘la tavoletta enigmatica di Valentano’

Direttamente dall’età del Bronzo antico arriva a palazzo papale ‘la tavoletta enigmatica di Valentano’

Direttamente dal Bronzo Antico arriverà a Viterbo quella custodita nel Museo di Valentano. Farà bella mostra di sé nella Sala Ce.Di.Do sotto Palazzo Papale, da venerdì prossimo alle 17.

ADimensione Font+- Stampa

Un rompicapo per storici e archeologi, tanto da coniare un nome indicativo: “tavoletta enigmatica”. Direttamente dal Bronzo Antico arriverà a Viterbo quella custodita nel Museo di Valentano. Farà bella mostra di sé nella Sala Ce.Di.Do sotto Palazzo Papale, da venerdì prossimo alle 17. Il momento di apertura alle visite coincide con la conferenza promossa e organizzata da associazione Archeotuscia onlus.

La tavoletta enigmatica del Museo della Preistoria della Tuscia e della Rocca Farnese di Valentano è stata trovata presso Latera, in località Vallone, durante le ricerche di superficie del 1993-94 svolte dalla Soprintendenza per i Beni archeologici dell’Etruria Meridionale all’interno del territorio della caldera. Il sito si trova a 2/3 chilometri da Valentano, ed è appunto all’interno del Museo della Preistoria della Tuscia e della Rocca Farnese di Valentano che è conservata. In particolare all’interno di questo bellissimo Museo archeologico da pochi anni è stata allestita una stanza, interamente dedicata al ”fenomeno” delle tavolette enigmatiche: oltre alla tavoletta enigmatica di Latera sono infatti esposti i calchi, a grandezza naturale, di tutte le tavolette enigmatiche ad oggi conosciute.

Le tavolette enigmatiche sono dei piccoli oggetti di terracotta e di pietra, così chiamate in ambito italiano dagli archeologi, secondo la terminologia che si è affermata negli ultimi 50 anni.

Non sappiamo la funzione originaria: un supporto epigrafico? Un sistema di conteggio? Uno strumento di annotazione e registrazione? Con certezza non lo possiamo ancora dire, anche se interessanti e importanti passi avanti sono stati fatti, indirizzando un inquadramento interpretativo di questi oggetti. Di forma ellissoidale, ovoidale, rettangolare, trapezoidale, circolare, il tratto unificante è la presenza di segni realizzati su una o entrambe le facce: punti, coppelle, cerchi, quadrati, rettangoli, triangoli, scanalature, rombi, spirali. Le tavolette enigmatiche sono datate tra il 2100 e il 1400 a.C. (età del Bronzo antico e Bronzo medio).

Banner
Banner
Banner