Difesa delle api, il parlamentare viterbese dei Cinque Stelle Bernini in prima linea

Difesa delle api, il parlamentare viterbese dei Cinque Stelle Bernini in prima linea

In questi giorni si è svolto nella sala della Regina di Palazzo Montecitorio l'incontro sull'apicoltura 'Riflessioni e ricerche tra biodiversità e sostenibilità - l' apicoltura minacciata da agrofarmaci e cambiamenti climatici' organizzato dal M5S .

ADimensione Font+- Stampa

In questi giorni si è svolto nella sala della Regina di Palazzo Montecitorio l’incontro sull’apicoltura ‘Riflessioni e ricerche tra biodiversità e sostenibilità – l’ apicoltura minacciata da agrofarmaci e cambiamenti climatici’ organizzato dal M5S in collaborazione con l’associazione culturale Scientia e patrocinato da Dipssa Università di Bologna, Ispra – Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, e Università di Teramo.

Lo rende noto Massimiliano Bernini, portavoce 5Stelle in Commissione Agricoltura e impegnato nel sostegno del settore apistico nazionale.

”Desidero ringraziare vivamente – aggiunge Bernini – il folto pubblico e tutti i relatori che hanno saputo descrivere in modo chiaro e completo la galassia apistica italiana con tutte sue le problematiche e gli sforzi che andrebbero fatti per migliorare la situazione che ahinoi vede una forte crisi di produzione legata principalmente alla moria delle api per l’uso indiscriminato dei fitofarmaci ed erbicidi in ambito agricolo, ma anche ai cambiamenti climatici, al frazionamento degli habitat, alle patologie, come Aethina tumida e il cosiddetto ‘Calabrone asiatico, figlie di una ‘globalizzazione’ sregolata”.

”Purtroppo – continua – nonostante i numerosi atti parlamentari presentati in questa Legislatura, alcuni dei quali anche accolti, il Governo non si è ancora impegnato seriamente nel settore e questo preoccupa ovviamente gli apicoltori che nel frattempo vedono sorgere nuove difficoltà. Sappiamo che l’ape ricopre un ruolo fondamentale per la conservazione della biodiversità, degli ecosistemi e quindi la trasmissione della vita sul Pianeta. Priorità per le quali è urgente investire maggiori risorse nella ricerca scientifica a protezione del prezioso insetto.

Durante il convegno – conclude il parlamentare – abbiamo inoltre recepito la richiesta di un’indagine conoscitiva a livello parlamentare per raccoglie gli input e le proposte di tutti gli attori coinvolti, sia della filiera produttiva che del mondo della ricerca per conoscere approfonditamente la situazione del comparto apistico in vista di nuove azioni anche di carattere normativo da prendere nel più breve tempo possibile. Mi farò portavoce di questa richiesta nelle sedi opportune”.

Banner
Banner
Banner