Depositate le 3 pietre d’inciampo in memoria di 3 deportati viterbesi. Le foto

Depositate le 3 pietre d’inciampo in memoria di 3 deportati viterbesi. Le foto

La foto della deposizione delle 3 pietre d’inciampo per ricordare 3 deportati viterbesi durante la Shoah. Si tratta di Angelo Di Porto, Emanuele Vittorio Anticoli e Letizia Anticoli deportati ad Auschwitz nel 1944.

ADimensione Font+- Stampa

3 pietre d’inciampo per ricordare 3 deportati viterbesi durante la Shoah. Si tratta di Angelo Di Porto, Emanuele Vittorio Anticoli e Letizia Anticoli deportati ad Auschwitz nel 1944. L’artista tedesco Gunter Demnig ha installato questa mattina le stolpersteine, appunto pietre d’inciampo, in memoria dei tre ebrei di Viterbo di fronte la casa di via della Verità 19, dove i tre abitavano.

 

10922222_10206001495222383_1845448907_n

 

Si tratta di sampietrini del tipo comune e di dimensioni standard distinti solamente per la superficie in ottone sulla quale sono incise le generalità del deportato, il luogo di deportazione e la data della morte. Il giorno prima, il 7 gennaio, Demnig installerà 20 pietre a Roma. È la sesta volta che l’artista installa le sue stolpersteine in memoria di deportati razziali e politici, da quando nel ’93, venne invitato a Colonia per una installazione sulla deportazione di cittadini rom e sinti.

 

10912847_10205999936103406_70125906_n

 

No url attribute defined!