‘Degustando la Pasqua’ 2018, la migliore Tuscia nella chiesa di Sant’Egidio al Corso

‘Degustando la Pasqua’ 2018, la migliore Tuscia nella chiesa di Sant’Egidio al Corso

De-gu-stan-do la Pasqua, scandire bene la prima parola per caricarla di tutte le emozioni di un evento che a Viterbo ha saputo diventare una tradizione. 23-25 marzo, nella ex chiesa di Sant'Egidio in Corso Italia. 

ADimensione Font+- Stampa

De-gu-stan-do la Pasqua, scandire bene la prima parola per caricarla di tutte le emozioni di un evento che a Viterbo ha saputo diventare una tradizione. 23-25 marzo, nella ex chiesa di Sant’Egidio in Corso Italia. 

In sintesi possiamo dirla così: rassegna enogastronomica e mostra d’arte, con degustazioni e vendita di prodotti della tradizione pasquale. Iniziativa che taglia il traguardo dell’ottava edizione, con la firma di garanzia di Confartigianato Viterbo. Apertura nella terna di giorni dalle 10 alle 20. Impossibile resistere, anche perché l’edizione 2018 di ‘Degustando la Pasqua’ nasce per dare linfa ai sogni. E c’è un sogno preciso da sostenere, tutto viterbese di grande valore e da fare fiorire.

‘Degustando la Pasqua’ darà sostegno ai ragazzi dell’associazione Campo delle Rose. L’idea di mamma Franca che, con tanti compagni di viaggio, si sta dando molto da fare per riuscire a trovare i fondi necessari al completamento di una struttura a favore delle persone con autismo. Al momento hanno a disposizione 22 ettari di terreno e un edifico di 1.200 metriquadrati. A spiegare come funziona il supporto lo ha spiegato, questa mattina in conferenza stampa, il direttore di Confartigianato Andrea De Simone: “Entrando all’iniziativa troverete la Brocca di Santa Rosa, ideata dall’architetto Raffaele Ascenzi per l’iniziativa Centesimiamo, e lì ognuno potrà giocare la partita e dare il proprio sostegno”.

Il taglio del nastro venerdì alle 11 con il vescovo Lino Fumagalli a dare la benedizione. Le tradizioni sacre e profane della Pasqua viterbese si fonderanno con questa bella iniziativa di solidarietà grazie a LUX ROSAE, Avis Comunale Di Viterbo, Sodalizio dei Facchini di Santa Rosa, Igers Viterbo e il prezioso e qualificato contributo della Diocesi di Viterbo. 

Tredici gli espositori di ‘Degustando la Pasqua: la Pasticceria Casantini di Viterbo, sempre presente fin dalla prima edizione,  l’Azienda Vinicola Il Vinco-Cantina Ortaccio-Podere Orto,  l’azienda agricola biologica Istituto Agrario Bagnoregio, l’azienda agricola “Il Circolo” di Montefiascone, l’azienda agricola Fratelli Pira, l’azienda agricola Fratelli Stefanoni, il Consorzio Freschi di Forno, Falesco Famiglia Cotarella, il Frantoio Antica Tuscia di Battaglini Andrea di Bolsena.

Durante la tre giorni sono previste una serie di iniziative che metteranno al centro i sapori pasquali del territorio. A spiegarlo in conferenza il noto ristoratore Angelo Proietti Palombi. Grande protagonista anche la pizza di Pasqua, con Claudio Cavalloro che illustrerà tutti i segreti per sfornare questo ottimo dolce tipico. 

‘Degustando la Pasqua’ diventa anche social grazie al concorso fotografico a cura di Instagramers Viterbo. La sfida è immortalare il momento migliore della Pasqua. Partecipazioni aperte fino al 28 marzo grazie agli hashtag #degustandolapasqua18 #igersviterbo #confartigianatoviterbo. Impossibile resistere alla partecipazione. In palio un uovo d’incanto, di quelli realizzati da un vero e proprio asso della produzione artigiana viterbese: la pasticceria Casantini.