De Dominicis: “Togliere Del Piombo al Museo Civico ne determinerebbe la morte”

De Dominicis: “Togliere Del Piombo al Museo Civico ne determinerebbe la morte”

Gianluca De Dominicis, consigliere comunale di Viterbo del Movimento 5 Stelle interviene in merito al dibattito sull'utilizzo temporaneo dei portici di Palazzo dei priori da parte della Prefettura di Viterbo per l'Ufficio Immigrazione spostando il dibattito sul tema del Museo Civico, criticando Rossi

ADimensione Font+- Stampa

“Portare le due opere di maggior pregio del museo civico sotto i portici (di Palazzo dei Priori, ndr) determinerebbe la morte del museo”. Gianluca De Dominicis, consigliere comunale di Viterbo del Movimento 5 Stelle interviene in merito al dibattito sull’utilizzo temporaneo dei portici di Palazzo dei priori da parte della Prefettura di Viterbo per l’Ufficio Immigrazione spostando il dibattito sul tema del Museo Civico, criticando Rossi e rimarcando la propria coerenza.

“Il museo civico è stato indicato nell’ultimo bilancio come una risorsa da rilanciare – spiega De Dominicis –  Furono fatte anche emendamenti per aumentare i fondi a disposizione e non solo dal sottoscritto per conto del M5S ma addirittura da Filippo Rossi che ne contestava l’inserimento nelle “valorizzazioni”. Ebbene oggi sempre Filippo Rossi tuona per la scelta, opinabile, di portare sotto i portici di piazza plebiscito (cioè sotto il comune) l’ufficio immigrazione invece di riqualificarli ed ospitare, come da sua proposta, le due preziose opere di Del Piombo. Sinceramente il suo mi sembra un controsenso perché portare le due opere di maggior pregio del museo civico sotto i portici determinerebbe la “morte” proprio del museo che tanto difendeva.

Si può discutere sulla destinazione scelta per quegli spazi, che comunque sembrerebbe temporanea, ma il vero punto della questione dovrebbe essere capire se si voglia salvare e rilanciare il museo civico o determinarne sostanzialmente la “morte” con l’operazione proposta da Viva Viterbo e sostenuta, pare, dalla maggioranza.
Dissi gia queste cose in consiglio e le ribadisco oggi. Coerenti, almeno noi, fino alla fine!”