Daniele Sabatini punterebbe all’assessorato ai Servizi Sociali

Daniele Sabatini punterebbe all’assessorato ai Servizi Sociali

Daniele Sabatini punterebbe a un ingresso da esterno in giunta. E' stato il grande escluso dalle elezioni per il rinnovo del Comune di Viterbo. Oscure logiche di partito e di correnti l'hanno lasciato in disparte. In diversi sono pronti a sostenere che con lui candidato sindaco il centrodestra avrebbe vinto al primo turno. 

ADimensione Font+- Stampa

Daniele Sabatini punterebbe a un ingresso da esterno in giunta. E’ stato il grande escluso dalle elezioni per il rinnovo del Comune di Viterbo. Oscure logiche di partito e di correnti l’hanno lasciato in disparte. In diversi sono pronti a sostenere che con lui candidato sindaco il centrodestra avrebbe vinto al primo turno. 

Il giovane, con alle spalle una bella esperienza da consigliere ai Servizi Sociali nel capoluogo della Tuscia e consigliere regionale nello Zingaretti uno, ha dimostrato di avere consensi e gradimento non di poco conto a Viterbo alle ultime regionali. Punterebbe a rientrare in gioco ora, nel momento di composizione della giunta. Forte anche degli oltre 700 voti conquistati dalla moglie Antonella Sberna, la donna più forte della coalizione. 

E vorrebbe farlo proprio rientrando a Palazzo del Drago, sede dell’assessorato ai Servizi Sociali. Al suo ingresso in giunta però, in quota Forza Italia, ci sarebbero una serie di resistenze da vincere. Da qui a sabato capiremo come questa partita andrà a finire.