Dalle Terme dei Papi a quelle Imperiali, i Sensi pronti a scommettere sul termalismo anche a Civitavecchia

Dalle Terme dei Papi a quelle Imperiali, i Sensi pronti a scommettere sul termalismo anche a Civitavecchia

Dalle Terme dei Papi a quelle degli Imperatori. La famiglia di imprenditori termali Sensi interessata a investire a Civitavecchia. In queste settimane hanno mosso il primo importante passo acquistando all'asta l'area di Casale dei Bagni. 800mila euro all'asta giudiziaria, dopo il fallimento delle Terme Taurine. 

ADimensione Font+- Stampa

Dalle Terme dei Papi a quelle degli Imperatori. La famiglia di imprenditori termali Sensi interessata a investire a Civitavecchia. In queste settimane hanno mosso il primo importante passo acquistando all’asta l’area di Casale dei Bagni. 800mila euro all’asta giudiziaria, dopo il fallimento delle Terme Taurine. 

Ora si stanno perfezionando gli atti tra Regione Lazio e Comune di Civitavecchia per rendere possibile l’azione di ricerca dell’acqua termale. Degli architetti stanno invece progettando il tutto. 

Il nome scelto appunto è quello di Terme Imperiali, in omaggio alle adiacenti Terme di Traino. “Abbiamo interesse per la piazza di Civitavecchia – le parole di Fausto Sensi -. Siamo imprenditori che amano quello che fanno e siamo entusiasti di lavorare nel settore del termalismo. Accolti con ottimismo dall’attuale amministrazione comunale è nostra convinzione poter ottenere importanti risultati”.

“Le Terme dei Papi – specifica Sensi – restano il nostro quartier generale. Aprire una nuova realtà a Civitavecchia sarà funzionale anche per migliorare le cose nel capoluogo della Tuscia. Perché vogliamo andare avanti e continuare a investire. Tramite l’azione su Civitavecchia contiamo di diventare attrattivi per due mercati di grande peso: Roma e i crocieristi”.

Il progetto delle Terme Imperiali prevede uno sviluppo graduale e un allargamento per fasi. “Occorre rimanere razionali e con i piedi ben piantati a terra – conclude l’imprenditore -. Comunque questo nuovo capitolo che la nostra famiglia sta per cominciare nasce nell’ottica di un miglioramento dell’offerta, nella capacità di conquistare maggiore mercato e di costruire nuovi posti di lavoro”.

L’intenzione è quella di attirare il mercato di Roma e dei crocieristi e intersecare quei numeri anche con Viterbo e la struttura delle Terme dei Papi. Realtà dove oggi lavorano complessivamente 200 persone.