Dal 28 aprile al primo maggio torna San Pellegrino in Fiore. Ma si preparano a fiorire anche altri quartieri

Dal 28 aprile al primo maggio torna San Pellegrino in Fiore. Ma si preparano a fiorire anche altri quartieri

Da sabato 28 aprile a martedì primo maggio. Ecco la spianata di giorni su cui è pronto a "sorgere" San Pellegrino in Fiore. L'edizione del 2018, la tre-nta-du-e-si-ma. Roba che abbraccia più generazioni di viterbesi, segnando l'arrivo della primavera nel capoluogo della Tuscia. 

ADimensione Font+- Stampa

Da sabato 28 aprile a martedì primo maggio. Ecco la spianata di giorni su cui è pronto a “sorgere” San Pellegrino in Fiore. L’edizione del 2018, la tre-nta-du-e-si-ma. Roba che abbraccia più generazioni di viterbesi, segnando l’arrivo della primavera nel capoluogo della Tuscia. 

Un’occasione di promozione della città dei papi, che indossa il suo abito migliore. L’iniziativa negli anni ha vissuto un’evoluzione, grazie all’innesto con nuove idee. Non più solo una mostra florovivaistica ma anche un contenitore culturale a tutti gli effetti. In attesa di conoscere cosa gli organizzatori dell’Ente Autonomo San Pellegrino hanno messo a bollire in pentola la città si inizia a muovere. 

E oltre a San Pellegrino anche quest’anno fioriranno altri quartieri e zone di Viterbo. Torna Pianoscarano in Fiore, dopo l’esordio dello scorso anno. Così come fiorirà anche La Quercia. Nel primo caso si tratta di un’iniziativa spontanea di cittadini. Nel secondo di una bella operazione della Pro Loco di Viterbo.