Da Castel Sant’Elia a Birmingham per diventare campione del mondo, la storia di Daniele De Angelis

Da Castel Sant’Elia a Birmingham per diventare campione del mondo, la storia di Daniele De Angelis

Daniele De Angelis, classe 1988, nato e cresciuto a Castel Sant'Elia convocato nella nazionale italiana di Mixed Martial Arts e Grappling. Si tratta di sport da combattimento molto seguiti in tutto il mondo e che negli ultimi anni stanno prendendo piede anche in Italia.

ADimensione Font+- Stampa

Daniele De Angelis, classe 1988, nato e cresciuto a Castel Sant’Elia convocato nella nazionale italiana di Mixed Martial Arts e Grappling. Si tratta di sport da combattimento molto seguiti in tutto il mondo e che negli ultimi anni stanno prendendo piede anche in Italia.

De Angelis ha conquistato  la cintura e il titolo di campione italiano 2017 in questa disciplina, per la federazione International Combat Organization. E proprio questo importante risultato gli ha dato l’opportunità di entrare a far parte della nazionale e a ottobre di poter portare la bellezza i colori e l’orgoglio del Viterbese ai mondiali che si terranno a Birmingham, Inghilterra.

“In Italia questo e uno sport che sta crescendo ma come molti altri rimane un po’ di nicchia, soprattutto a livello di visibilità, per chi non è dell’ambiente – racconta Daniele -. Per questo forse i sacrifici e l’impegno che dobbiamo mettere noi atleti sono maggiori. Per questo ogni piccolo sostegno o aiuto nel farci conoscere e sostenere è sempre un grande aiuto per noi e per me. Spero con umiltà e con tanto entusiasmo che la mia storia di ragazzo che raggiunto, con fatica, il traguardo di campione italiano e che sta per affrontare questa nuova grande sfida rappresentando l’Italia con la nazionale in un Campionato Del Mondo all’estero possa interessare e rendere tutti orgogliosi”.

Natale Viterbo