Cultura: ecco l’avviso per i figli-di-nessuno. Servirà per sottoscrivere la Convenzione con il Comune

Cultura: ecco l’avviso per i figli-di-nessuno. Servirà per sottoscrivere la Convenzione con il Comune

L'avviso vale solo per chi non ha già firmato la convenzione: ovvero per chi non è stato scelto dall'amministrazione a sua discrezione senza passare per una procedura pubblica di selezione.

ADimensione Font+- Stampa

Il Comune apre a tutti la possibilità di firmare una convenzione e ufficializza il metodo “figli e figliastri” Il 7 marzo è uscito l’avviso pubblico dell’assessorato alla cultura, sport, turismo, spettacolo e pubblica istruzione per stilare una graduatoria dalla quale poi il Comune attingerà per sottoscrivere le realtà che si proporranno.

Ovviamente il Comune farà figli e figliastri, visto che le realtà che già hanno firmato una convenzione non sono tenute a mettersi in fila con le altre e lo strumento è dedicato a chi non è già stato scelto dall’amministrazione secondo la sua insindacabile volontà.

Non solo. Nell’avviso si cita anche il Regolamento per i contributi secondo il quale, dice l’amministrazione, sono in essere le altre Convenzioni. In realtà il Regolamento era nato con una precisa volontà, opposta a quella delle convenzioni: quella di contrastare la discrezionalità e di promuovere la trasparenza delle decisioni. Non si capisce poi perché ci siano già in piedi alcune convenzioni e perché le realtà che le hanno firmate debbano considerarsi privilegiate rispetto alle altre.

Tecnicamente l’avviso è aperto a manifestazioni che abbiano registrato almeno 5 edizioni negli anni precedenti e che siano riferibili ad attività di teatro, musica, danza, arti visive, nuove tecnologie, letteratura, poesia e scienze umane. La scadenza per inviare le domande è il 25 marzo 2016. La graduatoria uscirà entro il 30 aprile 2016. Qui l’avviso con tutte le specifiche.