Crisi Palazzo dei Priori, l’enigma Delli Iaconi

Crisi Palazzo dei Priori, l’enigma Delli Iaconi

Proprio in seno alla giunta sorge l'enigma: Tonino con chi sta? Sulla carta è assessore in quota Serra, ma nei fatti è l'unico rimasto in silenzio. Ieri inoltre era l'unico del suo presunto blocco presente agli auguri di Natale di Beppe Fioroni.

ADimensione Font+- Stampa

Ma Tonino Delli Iaconi con chi sta? La domanda riteniamo sia legittima. In queste ore di grande nervosismo si stanno cristallizzando due schieramenti: i “fioroniani” e i “serra-panunziani”.

Lo schema emerge in ogni luogo della politica che riguarda questo mondo che possiamo chiamare centrosinistra. E’ netto in Comune, con i 7 serrapanunziani che hanno reso pubblico un documento che li accomuna senza se e senza ma e li differenzia dagli altri 5 consiglieri Pd e dall’area Moderati e Riformisti. E’ nitido dentro il Pd provinciale, con il posizionamento dei vari attori della scena o con Egidi (area panunziana) o contro. E’ determinato anche in giunta, con Sonia Perà e Alessandra Troncarelli che hanno annunciato di essere pronte alle dimissioni.

Ma proprio in seno alla giunta sorge l’enigma: Tonino con chi sta? Sulla carta è assessore in quota Serra, ma nei fatti è l’unico rimasto in silenzio. Ieri inoltre era l’unico del suo presunto blocco presente agli auguri di Natale di Beppe Fioroni. Delli Iaconi è una sorta di geroglifico della politica viterbese, salvo posizionamenti dell’ultimo minuto.