Contest #You4Bic, il video con cui CuDriEc partecipa al racconto dell’ICult

Contest #You4Bic, il video con cui CuDriEc partecipa al racconto dell’ICult

“Abbiamo colto l’occasione per fare in questo modo i nostri migliori auguri a tutti i nostri fans, collaboratori, partners e soci di questo progetto imprenditoriale che vuole “unire”, con un filo rosso, clienti ed aziende, in una “nuova storia”, un modo diverso di fare azienda”, spiegano da quel di CuDriEc.

ADimensione Font+- Stampa

#You4BIC – Una storia di lavoro, storia di uomini, di strumenti di lavoro e della loro evoluzione, storia di progresso e d’innovazione. Ma anche storia di collaborazione, di solidarietà e cooperazione, intrecciata alla storia di un uomo, l’unico in grado di “poter fare tutto da sé”. Un uomo di cui ricorre, tra qualche giorno, il 2015 esimo compleanno.

Questo il significato del video che CuDriEc ha realizzato per il contest #You4BIC, indetto da BICLazio, per promuovere le sue attività. “Abbiamo colto l’occasione per fare in questo modo i nostri migliori auguri a tutti i nostri fans, collaboratori, partners e soci di questo progetto imprenditoriale che vuole “unire”, con un filo rosso, clienti ed aziende, in una “nuova storia”, un modo diverso di fare azienda”, spiegano da quel di CuDriEc.

“Originariamente ognuno di noi svolgeva singolarmente il proprio lavoro, cercando di fare del proprio meglio, ma con strumenti forse un po’ “antiquati” – continuano -. C’era la voglia di migliorare ma mancava qualcosa. Poi all’improvviso ecco l’illuminazione, la luce (l’idea), che si trasforma in “cometa”, da seguire fino a trovare il luogo adatto a sviluppare l’idea e farla crescere (lo Spazio Attivo di Viterbo).

E qui si apre un capitolo nuovo della storia, scopriamo un mondo, fatto di strumenti e servizi innovativi (il Fablab ne è solo un esempio), collaborazione, co-working, talent working, tea storming, incubatori. Finalmente siamo a casa.

Il video è pertanto anche un ringraziamento a chi questa casa ce la mette a disposizione (la Regione Lazio), a coloro che quotidianamente la “mandano avanti” e a tutti gli “inquilini” che la abitano. Perchè è tra questi che nascerà l’impresa di domani”.