Consiglio comunale col botto, oggi sarà una roulette russa

Consiglio comunale col botto, oggi sarà una roulette russa

Giornata bella mossa a Palazzo dei Priori. Previsti venti forti e mareggiate. Sul tavolo la decadenza di Moltoni, il caso Ciorba e l'affare Vannini; quest'ultimo giocato dietro le quinte.

ADimensione Font+- Stampa

Consiglio comunale di fuoco, quello in agenda questo pomeriggio a Palazzo dei Priori. Dentro la maggioranza ci sono diverse spinte e la situazione è resa ancora più complicata “dall’affare Vannini”.

In buona sostanza l’assessore sarebbe con un piede fuori dall’uscio e non proprio per una scelta maturata in autonomia. Questo apre lo scenario del rimpasto di giunta, che o finirà per accontentare tutti o rischia di intensificare gli attriti tra i vari gruppi della maggioranza. Sul tavolo anche la nomina dei revisori dei conti, questione delicata perché il sorteggio ha scelto Lorenzo Ciorba coma presidente, padre del Marco presidente del consiglio.

Senza dimenticare la questione decadenza Moltoni. In commissione la maggioranza si è spaccata e abbiamo assistito a tre consiglieri di area “panunziana” votare, insieme alle minoranze, per un rinvio funzionale ad avere un parere legale che risponda in maniera esaustiva alle controdeduzioni presentate da Moltoni.

Ma, nonostante quanto accaduto in commissione, la discussione arriverà comunque nella sala d’Ercole. Interessante quanto scrive il consigliere Gianluca De Dominicis dei Cinque Stelle su facebook: “Proviamo a vedere il futuro. Se non si voterà per la decadenza del consigliere del Gal saranno scaduti i 10 giorni previsti dall’iter di legge. Intanto la maggioranza (s^ avete letto bene) ha chiesto in commissione un parere (non si è capito bene a chi…) chiedendo di rimandare la commissione, ma cosa succederà? Vedo…vedo… un rinvio del punto e vedo… vedo… la possibilità che scadano i tempi per la decadenza…e… vuoi vedere che c’è la possibilità che scadano i tempi per la decadenza e vuoi che c’è la possibilità di non poter più votare il punto lasciando a prefettura o liberi cittadini l’incombenza (come previsto dalla normativa)? E vuoi vedere che questo potrebbe salvare il sindaco da una votazione che potrebbe rivelare qualche sgradita sorpresa?”.